“Via le mani dagli occhi”: Try Changing lancia un concorso contro la violenza

RAGUSA – Try Changing, l’Associazione di volontariato e attivismo operante sul territorio ragusano con un’ottica Antidiscriminatoria, ha inaugurato il nuovo anno sociale. Il 6 ottobre il Consiglio direttivo si è ufficialmente presentato all’assemblea indetta per l’occasione e ha presentato il Progetto per il nuovo anno associativo. Presenti realtà associative ragusane come Agedo, il comitato “No Muos”, la Socrem e la Cub, si è passati, dopo un breve resoconto su quanto realizzato negli ultimi mesi, all’introduzione della prima tematica che verrà affrontata da Try Changing, la discriminazione fisica – disabilità fisica e psichica. Un mese di attività incentrate su questo tema per sviscerare tutti i danni che la società causa a chi è soggetto a questo tipo di discriminazione.

Al termine della seduta, il consiglio direttivo ha annunciato un’attività ben strutturata: la prima edizione del Concorso “Via le Mani dagli Occhi”, in occasione del 25 novembre (Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne). Si tratta di un concorso al quale è possibile partecipare con foto, disegni, elaborati scritti sul tema di questa giornata. Non è un concorso sulla violenza, ma contro la violenza! Al centro di ogni elaborato si chiede di mettere in luce la risposta che donna e uomo possono dare alla violenza di genere.

Tre le linee tematiche: violenza mediatica, violenza fisica e violenza psicologica.

L’intento è quello di far mettere a lavoro ragusani di ogni età per vedere cosa una donna e un uomo “normali” debbono fare per poter sconfiggere questo grave problema. Un’ottica attiva, insomma, nel perfetto stile Try Changing.

Le Iscrizione online entro il 20 ottobre (mail: concorsotrychangingrg@gmail.com). La consegna degli elaborati è fissata entro il 20 novembre, mentre il 25 novembre ci sarà la premiazione.

Si spera in una folta partecipazione. In palio alcuni premi per: miglior fotografia, miglior disegno, miglior elaborato scritto e Premio “Idea vincente”. I primi tre premi saranno giudicati anonimamente da una giuria esterna, l’ultimo sarà assegnato al lavoro che, secondo il direttivo, avrà centrato maggiormente il tema.

Print Friendly, PDF & Email