Acate. Comunicato del sindaco Di Natale: “Anche la nostra cittadina è rappresentata nella lotta al contagio da Coronavirus in Lombardia”.

 

Salvatore Cultraro, Acate (Rg), 6 aprile 2020.- In questo ultimo periodo, in piena emergenza da Covid 19, la cronaca si è occupata molto dei numerosi cittadini meridionali, domiciliati nelle regioni del Nord Italia, che istintivamente, a torto o ragione, hanno deciso di rientrare,  alcuni quasi in modo furtivo, nelle regioni del Sud e nelle Isole. Un rientro che ha allarmato notevolmente i cittadini meridionali, in quanto, fino a poco tempo, fa relativamente colpiti dal Coronavirus e quindi allarmati da un eventuale vertiginoso contagio, “portato dal Nord”, area purtroppo drammaticamente ad altissimo rischio. Una situazione disperata e drammatica che ha spinto il sindaco di Messina a limitare drasticamente gli accessi, provenienti dal Continente, nella città dello Stretto e quindi in tutta l’Isola. Ad Acate, invece c’è stata una clamorosa ed ammirevole inversione di tendenza. No si è scappati dal Nord per mettersi al sicuro nella tranquilla cittadina iblea, bensi c’è chi, volontariamente e quindi spontaneamente, ha deciso di lasciare la fin’ora tranquilla cittadina ragusana per prestare il proprio aiuto ai “fratelli del Nord”, partendo per il Continente, abbandonando i propri affetti familiari e mettendo a rischio la propria vita. Stiamo parlando dell’infermiere professionale Mauro Carbonaro, il quale non ha minimamente esitato a recarsi in Lombardia per aiutare i suoi ex colleghi. A darne notizia è il sindaco di Acate, dottor Giovanni Di Natale. “Il nostro concittadino Mauro Carbonaro- si legge in una nota a firma del primo cittadino- ha risposto all’appello della Protezione Civile per il reclutamento di infermieri da destinare agli ospedali del Nord, martoriati dalla pandemia da Coronavirus”. “Senza pensarci due volte- si legge ancora nella nota- il nostro concittadino ha momentaneamente abbandonato la sua famiglia, il suo lavoro ed il suo paese per andare a portare sollievo ai suoi colleghi delle Regioni del Nord, da troppi giorni sottoposti ad uno stress notevole. Mauro ed i suoi colleghi, a bordo di un aereo militare, partito dall’aeroporto di Pratica di Mare, accompagnati dal Ministro per gli Affari Regionali, Boccia e dal Commissario Arcuri, sono atterrati a Bologna e da li in pullman hanno raggiunto la loro destinazione. Carbonaro è stato assegnato a Bergamo dove ha subito preso servizio per dare una mano ai colleghi che lavorano ininterrottamente da settimane per combattere l’emergenza Covid 19”. “Nell’esprimere- conclude il documento del sindaco Di Natale- la gratitudine e l’orgoglio di tutti gli acatesi, gli auguriamo un buon lavoro”. Un augurio al quale ci associamo anche tutti i componenti della redazione di Italreport.

Print Friendly, PDF & Email