#liberidiinsegnare #liberidimparare. Sindacati Scuola promuovono manifestazioni

E’ emergenza democratica nelle Scuole. I sindacati, unitariamente, nel prendere atto che la situazione sta precipitando e che alcuni capetti prendono provvedimenti calpestando le più elementari regole fissate dalla Costituzione Italiana. Il caso eclatante della Professoressa Maria Teresa dell’Aria ha fatto riflettere i rappresentanti sindacali sul fatto che non si può più aspettare e che quindi occorre agire.
Ci si aspettava che dopo le numerose prese di posizione da parte delle Istituzioni e della Società Civile il Provveditore agli Studi di Palermo facesse ammenda dell’errore fatto e revocasse l’iniquo provvedimento. Invece non l’ha fatto ed ha aggravato la situazione. La protesta aumenta e si estende sempre più in tutt’Italia.
Difendiamo le libertà e difendiamo la Scuola. Venerdì saremo presenti al corteo che partirà alle 19,30 da Via Duca della Verdura verso piazza Politeama.
Anche i rappresentanti della Federazione Autonoma Bancari Italiani porteranno la propria solidarietà alla Professoressa Dell’Aria e agli Operatori scolastici.
Nella foto tratta da ‘LA SICILIA’ il provveditore Marco Anello.

Ecco parte del documento sindacale firmato CGIL-CISL-UIL-SNALS-GILDA

“Iniziativa a Palermo dei sindacati scuola CGIL-CISL-UIL-SNALS-GILDA #liberidinsegnare #liberidimparare Sono questi gli hastag alla base dell’iniziativa promossa dai sindacati scuola che potranno essere condivisi e rilanciati da insegnanti, studenti, cittadini per raccontare le loro esperienze e per ribadire l’importanza di un’istruzione senza censure e condizionamenti. La libertà di insegnamento è un bene fondamentale e indispensabile in ogni società democratica. È una prerogativa che la nostra Costituzione affida alle scuole e ai docenti. Spirito critico, capacità di analisi e di lettura dei fatti del mondo, sono gli obiettivi che gli studenti dovrebbero raggiungere nel loro percorso di studi per l’esercizio di una cittadinanza attiva. Per • garantire il pluralismo, • difendere le prerogative professionali, • tutelare libertà fondamentali che attengono alla nostra democrazia costituzionale, • rivendicare l’istituzione di un organismo indipendente con il compito di valutare il corretto esercizio della libertà di insegnamento e di tutelare l’autonomia professionale individuale e collegiale • affermare i valori che devono essere gelosamente custoditi e difesi dalla nostra Scuola in tutto il Paese i sindacati del comparto istruzione e ricerca indicono un’iniziativa nazionale che si terrà a Palermo il giorno 24 maggio, con una grande assemblea aperta ed una fiaccolata. Contemporaneamente altre iniziative analoghe si svolgeranno a livello locale in tutta Italia. I fatti che riguardano la professoressa Dell’Aria sono il sintomo di una pericolosa tendenza della politica a invadere e condizionare gli spazi in cui si esercitano l’azione didattica e l’autonomia delle istituzioni scolastiche.”

Print Friendly, PDF & Email