24 Settembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

La convention di Andrea Nicosia: “A Palermo per battere i pugni e difendere Vittoria e tutto il Ragusano”

2 min read

VITTORIA – Doveva essere una festa, e così è stato. In centinaia ieri sera hanno affollato Villa San Bartolo per inaugurare ufficialmente la campagna elettorale di Andrea Nicosia, candidato della lista civica Diventerà Bellissima, con Nello Musumeci Presidente, alle elezioni regionali del 5 novembre. L’obiettivo della serata era incontrarsi, emozionare, ridare una speranza a Vittoria e all’intero territorio provinciale. 

Uniti si vince, e grazie ad una squadra forte e compatta come quella che sta sostenendo Nicosia, Vittoria, che soffre disperatamente l’annosa mancanza di un parlamentare regionale, potrebbe finalmente avere una chance. I deputati uscenti non hanno lavorato per l’intero territorio, ma hanno tralasciato numerose questioni di interesse determinante per la città. La convention di ieri ha rappresentato anche un momento di profonda riflessione su come il panorama politico regionale abbia dato (o non dato) risposte alla collettività negli ultimi 5-10 anni.

Ad aprire gli interventi è stato il coordinatore regionale di Diventerà Bellissima e commissario per la provincia di Ragusa Ruggero Razza, amico da sempre di Andrea Nicosia del quale ha tracciato il profilo umano e morale; e poi il sindaco Giovanni Moscato e il suo Vice Andrea La Rosa, il consigliere comunale Valeria Zorzi e l’avv. Saverio La Grua.

“Ogni persona che è intervenuta rappresenta un pezzo di vita” ha esordito Andrea Nicosia nel suo intervento, parlando poi del cammino che da oltre due mesi sta affrontando con cuore, coraggio, testa e passione “insieme ad un gruppo politico e umano straordinario”. “Siamo ogni giorno per le strade della provincia – ha proseguito – nelle aziende, tra gli agricoltori, i pescatori, i piccoli imprenditori, i professionisti, gli studenti, tutti con una speranza e con voglia di riscatto. Ho sentito molto altro però, e continuo a sentirlo in questo sala. Sento il calore della gente, ma anche la rabbia e la disperazione di un territorio completamente abbandonato dalla politica regionale. La rabbia e la disperazione perché una delle province più virtuose del Sud Italia è stata presa a calci dagli onorevoli di turno che hanno considerato i vittoriesi carne da macello elettorale. Li hanno imbrogliati una volta, ma non ce ne sarà una seconda! Noi non vogliamo essere come loro: Vittoria e la provincia vuole qualcuno che sbatta i pugni sul tavolo per la sanità, le infrastrutture, il depuratore, la Fiera Emaia, il turismo, l’agricoltura e la pesca. Sono stanco di vedere amici partire e imprenditori di questa provincia investire a Malta. Questa sofferenza è la mia rabbia che voglio portare nei palazzi di Palermo, palazzi sordi alle nostre esigenze, palazzi chiusi a tripla mandata quando si è trattato di Vittoria. Siamo la nona città della Sicilia – ha concluso – e dobbiamo pretendere rispetto!”.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share