26 Settembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Mirandola.“Salviamo l’ospedale della Bassa”.

2 min read

Redazione Due, Mirandola (Mo), 10 novembre 2017.- Il gruppo di dialogo in difesa della struttura ospedaliera di  Mirandola, costituitosi in un Comitato spontaneo formato da medici di base, ospedalieri e privati cittadini, con lo scopo di preservare e valorizzare l’ospedale ha lanciato un accorato appello affinchè vi sia una massiccia partecipazione cittadina ai lavori del prossimo consiglio comunale convocato per le ore 17,30 di lunedì 13 novembre ed avente come punto all’ordine del giorno: “Ospedale Santa Maria Bianca. elaborazione delle strategie per garantire la piena operatività dell’ospedale di Mirandola nel rispetto dell’art. 32 della costituzione -Conferma posizioni assunte dal consiglio comunale delibera 155 cc del 26/10/2015”. “Aiutateci a riempire la sala consiliare- si legge nel documento a firma del Comitato- Nel 2011 declassando il nostro ospedale si è declassata anche la nostra città. Se si potesse parlare, durante i lavori del massimo consesso civico, quante domande potremmo fare: perché 130 posti-letto quando il P.A.L. ne prevede 198? Perché l’ASPO (terapia semintensiva) non viene mantenuta attiva? Perché secondo la firma del CTSS del 7 giugno 2017 da parte del nostro Sindaco dovremo andare a Carpi anche per la banale rottura di una gamba? Perché la Lorenzin dice 3,7 posti-letto per mille abitanti e noi siamo relegati a 1,5xmille? Quante persone sono state dimesse in anticipo causa mancanza posti-letto? Quante persone non sono state ricoverate causa mancanza posti-letto? Quanti interventi rimandati causa mancanza posti letto? Perché l’AUSL a giugno 2015 tagliava il personale del punto nascita dicendo che lo potenziava? Perché gli abitanti di Mirandola e dell’UCMAN devono curarsi a casa loro e “non rivolgersi all’ospedale perché lì è facile ammalarsi?” Perché qui si sono chiusi gli ospedali e si sono concentrati tutti tra Sassuolo, Baggiovara e Policlinico? Perché non chiudete Sassuolo e invitate i privati UNIPOL, COOPESTENSE e BPER a reinvestire a Mirandola e Pavullo? Perché i Sindaci UCMAN e quelli del FRIGNANO non si alleano per cercare di ridistribuire in modo equo i servizi sanitari della Provincia? Perché l’Hospice previsto dal PAL 2011 non è ancora stato realizzato? Perché una nuova clinica materno-infantile di 5 piani al Policlinico che costringerà a chiudere i punti-nascita periferici? Perché lo studio di fattibilità dell’ospedale unico baricentrico UCMAN – Terre d’Argine non viene attuato? Perché qui nella Bassa, Sanità non fa rima con viabilità? Perché nonostante la migrazione passiva da 5 ml di euro di tutta l’AREA NORD, la dirigenza AUSL continua a pagarsi i fondi incentivanti plurimilionari?” Tutte domande alle quali il Comitato per la salvaguardia dell’ospedale di Mirandola spera di ricevere concrete risposte.

 

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share