29 Ottobre 2020

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Modica. “Don Nittu u baruni” e il suo autore Giorgio Casa.

3 min read

Modica. 25 settembre 2020
Giorgio Casa è un modicano doc che non ha bisogno di molte presentazioni, è nato a Modica nel 1951, abita a a Modica, è felicemente sposato con Marzia Sammito da quasi mezzo secolo ed ha un figlio: Gianluca, che è un ragazzo straordinario, uno di quei giovani con tanta voglia di fare e di farsi da sé, se è vero, com’è vero, che già si è brillantemente inserito nel mondo del lavoro.
Ma torniamo al papà di questo giovane, Giorgio, a cui dedico questo mio editoriale; è mio amico personale e sincero, sin dall’inizio degli anni 70, quando entrambi siamo stati assunti in uno dei due Istituti di Credito presenti in Sicilia: Cassa di Risparmio V.E. e Banco di Sicilia. Lì ci siamo incontrati, conosciuti e condiviso, con percorsi comuni, “l’avventura” del bancario e quella ancora più ardua del sindacalista. Iscritti, militanti e dirigenti di Organizzazioni sindacali diverse, non siamo mai stati nemici, ma colleghi e avversari leali, rispettosi dei ruoli e delle cariche che ciascuno di noi ricopriva all’interno della propria Organizzazione e sinceramente onesti, tra noi stessi e con la categoria che abbiamo dignitosamente rappresentato per decenni.
Adesso Giorgio ha voluto raccontare, in 165 pagine, scritte con la classe di un professionista e la semplicità di uno che vuole farsi capire da tutti, un libro che si intitola ” Don Nittu u baruni “.
Si tratta della storia di persone molto note nella città della Contea, in particolare del protagonista don Nittu, che racchiudono tutti gli usi, i costumi e i detti, degli anni 60.
Devo ammettere con molta amarezza, che da quando Internet ha preso il sopravvento sull’intero pianeta, leggo molto poco, preferisco scrivere piuttosto che leggere, ma Giorgio Casa, con il suo don Nittu e tutta una serie di personaggi realmente vissuti e che io ho conosciuto, mi ha coinvolto fino al punto, di farmi “divorare” le 165 pagine, in soli 4 giorni.
Ho ritrovato il piacere della lettura, sin da quando l’amico e collega comune di entrambi, Sebastiano D’Angelo, che domani presenterà il libro a Modica, me lo ha consegnato a Ragusa.
Che dire ancora…pagina 76
-Noi, caro Biagio, siamo gente onesta, onesta fino a farci male da soli. Gente tutta d’un pezzo, come mia madre, che non riesce a chiedere scusa per quello che ha combinato e ci ha fatto combinare, dando di sé l’impressione di una persona fredda, dura, spigolosa e forse anche stupida.-
Questo passaggio della tua fatica letteraria, mi riporta piacevolmente indietro nel tempo, in quel tempo in cui, travolti dalla passione di difendere e dare voce a chi non poteva farlo da solo, dando l’impressione di essere freddi, duri e spigolosi e di combinare chissà cosa, ma onesti, onesti fino a farci male, andavamo avanti per la nostra strada, fino al traguardo.
Complimenti per questo libro, per i contenuti, per la semplicità, per i luoghi, per la genuinità e grazie per avermi riportato tra le pagine che profumano di carta, sicuramente più reale del virtuale mondo informatico.
Auspico che, così come hai scritto, questo possa essere solo l’inizio.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share