Acate. Associazione Politico Culturale Orizzonti Chiari: “Basta tasse!!! basta Raffo”. Riceviamo e pubblichiamo.

Redazione Due, Acate (Rg), 24 ottobre 2015.- “Ci tartassa con le tasse e ci porta tutto via”…così recitava il motivetto del cartone animato di Walt Disney “Robin Hood”, dedicato a Re Giovanni d’Inghilterra. Raffo, come Giovanni d’Inghilterra, non si smentisce e conferma la propria innata indole di tassatore, mettendo sempre di più le sue impavide mani nelle tasche dei poveri acatesi. Ci giunge notizia, da più parti, di un fatto che, se confermato, sarebbe davvero clamoroso. Sta arrivando nelle case dei nostri concittadini la tassa saldo tari 2015, con scadenza 30/10/2015. Nulla di strano, se non fosse che il periodo di riferimento indicato negli avvisi va dal 01/01/2015…udite udite…al 31/12/2015!!! In altre parole, il tassatore chiede di pagare entro ottobre una tassa che scade il 31 dicembre!!! A prescindere dalla legittimità o meno della pretesa, sulla quale è lecito nutrire qualche perplessità, il dato gravissimo è un altro: il tassatore ha deciso di mettere le mani nelle tasche degli acatesi chiedendo il pagamento di tasse, anche per il futuro!!! Si tratta di una decisione vergognosa. Il tassatore, invece di “andare “incontro ai cittadini, dimostra di non avere nessuna considerazione: mentre lui si gode una bella indennità di oltre 2.500 euro al mese e mentre i suoi assessori ne guadagnano chi 1.500 e chi 1.300, chiede di pagare una tassa non ancora scaduta!!! Ma tutto questo per quale motivo? Per continuare a pagare esperti o dare incarichi a parenti dei “propri” consiglieri ed amministratori? Acate non può più tollerare questo stato di cose. è necessario uno scatto d’orgoglio di tutti i cittadini che devono dire basta a questo stillicidio di tasse, compiuto senza ritegno da un individuo che continua a godere di lauti compensi, insieme alla sua cricca!!! Basta tasse, basta Raffo!!!”

Il Presidente                                                 Il Segretario

Ing. Giuseppe Di Natale                   Gianpippo Busacca

Print Friendly, PDF & Email