Acate. Comunicato stampa del Movimento Civico “Insieme”. Riceviamo e pubblichiamo.

 

Redazione Due, Acate (Rg), 25 gennaio 2016.- Il gruppo consiliare facente parte del movimento civico” INSIEME” formato da Silvia Terranova, Michele Casì e Biagio Licitra desidera esprimere solidarietà al Sindaco ed agli Assessori del comune di Acate, condannando l’intimidazione subita. La città, purtroppo, è attraversata da spaccature profonde, fratture sociali  tra poveri e meno poveri, tra legalità e criminalità. Senonchè, invece di unire, la sua politica ha la responsabilità di aver diviso ulteriormente il tessuto umano della città, in una escalation di violenza verbale di cui Ella,caro Sindaco, già a partire dalla campagna elettorale, è stato ed è assoluto protagonista. Questo clima infuocato porta a gesti intimidatori di questo tipo e non è il primo a danno di rappresentanti istituzionali. La misura è colma. Ribadiamo al Sindaco ed agli Assessori solidarietà umana unitamente ad un forte invito a ripensare la comunicazione istituzionale, ai rapporti con le aziende esterne,  ai rapporti con l’opposizione e alla gestione del dissenso. Ci auguriamo che gli inquirenti individuino i colpevoli e li assicurino alla giustizia. Il primo gradino della scala che porta alla sicurezza civica è l’azione di una Buona Amministrazione e di un Buon Governo. Nel ribadire la propria solidarietà umana al primo cittadino e all’intera Giunta  vogliamo evidenziare che non si tratta  di solidarietà politica, in quanto riteniamo che un azione amministrativa più trasparente e collegiale con gli organi Istituzionali, quindi anche con le opposizioni e le forze sindacali eviterebbe tensioni sociali, clientelismi nelle assunzioni, chiarezza e certezza dei diritti per ogni cittadino. Basti pensare che Lei,caro Sindaco, nel volgere di pochi anni dal suo insediamento, dopo una campagna elettorale in cui predicava di premiare “le migliori intelligenze di Acate” e “di valorizzare i giovani intellettuali di Acate”, ha fatto una sfilza di nomine di soggetti non acatesi, in ordine: il geometra Piccione al comando dei vigili urbani, l’ingegnere Sidoti alla guida dell’Ufficio Tecnico di Acate, il dottor Migliorisi ai Servizi Finanziari ed ha elargito a “tinchitè” o se preferite in italiano in abbondanza incarichi ad esperti e parenti di dirigenti e notabili del Comune di Acate. Per non parlare delle prebende dispendiosamente elargite  a familiari o ad associazioni parentali di quei pochi consiglieri comunali rimasti a Lei vicini. Noi,caro Sindaco, crediamo al suo sconforto nel guidare una macchina amministrativa divenuta ingestibile, ma certo, per sua precisa incompetenza ed irresponsabilità.  La invitiamo,quindi, a fare un atto di fede verso la città e di chiamare, veramente, le migliori energie di Acate per creare un governo di salute pubblica che ponga a centro dell’agenda politica il risanamento economico, morale e sociale della città.

 

Print Friendly, PDF & Email