Acate. “Le presunte esternazioni del sindaco”. Nota del sindaco prof. Francesco Raffo.

Redazione Due, Acate (RG) 31 maggio 2017.- “Devo ammettere che non mi ha sorpreso la superficialità del Presidente del Consiglio, Licitra, e di alcuni capigruppo, i quali hanno preferito anteporre il pettegolezzo, la demagogia e la politica del pugnale ai gravi problemi della nostra comunità, come quello della Tesoreria Comunale, fondamentale per avere un rapporto serio e duraturo con la Banca, ecc. Invece, hanno dato priorità al mio Comizio sul resoconto della Festa di San Vincenzo, esempio luminoso di attaccamento alla tradizione e di autentico volontariato, e ad “esternazioni”. In verità ho commentato un articolo dei grillini, pubblicato su La Sicilia, domenica 21 maggio, giorno del comizio. I Grillini, nella foga di attaccare me, hanno invece umiliano gli impiegati comunali. Infatti cosa dicono i pentastellati nelle loro esternazioni: “C’è qualcuno che può affermare che il Comune funzioni meglio? Non c’è un solo settore per cui possa parlarsi di ordinaria amministrazione”. In pratica descrivono come incapaci ed inefficienti tutti i dipendenti comunali. Affermazioni che io rifiuto categoricamente per mia onestà intellettuale, perché è da sprovveduti colpire nel mucchio. Non ho bisogno di difendermi dai grillini, pur ammettendo che alcune cose non funzionano come dovrebbero. Ma in questo caso non ho alcuna colpa, poiché il Sindaco ha solo potere di indirizzo, non è come un Preside a scuola. C’è una differenza stratosferica.  Il vero potere è nelle mani dei dirigenti e dei funzionari. Questa è Legge. Il Sindaco è il punto di riferimento del popolo, viene eletto per servire il popolo, ma gli strumenti di potere decisionale ce l’hanno altri. In ogni caso si è affermato sfacciatamente il falso in quanto non è affatto vero che il Comune non funzioni. Ci sono settori che sono delle vere e proprie eccellenze, che garantiscono servizi essenziali senza far soffrire la popolazione. Un esempio per tutti, l’acqua. In quattro anni non è mancata mai, tranne in qualche quartiere, dove si è fatto scempio anche della logica. Nelle loro stolte affermazioni dicono che “non c’è un solo settore per cui possa parlarsi di ordinaria amministrazione”! Affermano ancora una volta il falso. Siamo i primi in provincia per progettazione ed efficienza, come dimostrato dal Gal, dal Depuratore comunale, dai progetti fognari finalizzati all’eliminazione delle pompe di sollevamento e relativi pozzi neri, dal Piano Regolatore, quasi a costo zero (nel passato centinaia di migliaia di euro), dal Suap, dove le pratiche vengono esitate in otto giorni, dalla Zona artigianale, ecc. Per non parlare, poi, degli Uffici a Sportello dove, quotidianamente, vengono accolti centinaia di cittadini stranieri. Certo ci sono anche settori sofferenti. Recentemente la consigliera Silvia Terranova, capa di ”Insieme”, mi ha accusato di avere smantellato gli uffici. Abita in periferia, non frequenta il comune e ignora che sono andati in pensione recentemente quasi 20 impiegati, il 25%, che ci ha consentito di ridurre le spese del personale. Ovviamente il carico di lavoro è aumentato. Certo si potrebbe fare di più e meglio. Ma è un’altra cosa”.

Il Sindaco

Prof. Franco Raffo

 

Print Friendly, PDF & Email