Acate. Movimento 5 Stelle: “Aggiornamenti dal fronte”. Riceviamo e pubblichiamo.

Redazione Due, Acate (Rg), 9 maggio 2017.- Poco prima della festa di San Vincenzo, venerdì 5 maggio, il sindaco Raffo ha “finalmente” raddoppiato il canone per il servizio idrico integrato. Ci sono volute sei convocazioni del consiglio comunale, perchè nessuno dei consiglieri, nemmeno quelli fedeli a questo sindaco fallimentare, aveva il coraggio di aggravare il peso fiscale ai cittadini acatesi. Per chi non lo sapesse, l’aumento delle tasse è la conseguenza dell’attuale dissesto finanziario nel quale è piombato il Comune a causa delle scelte amministrative, scellerate ed irresponsabili, che denunciamo da tempo. Non nascondiamo di avere puntato sulla possibilità di liberare Acate dalla sciagurata Amministrazione Raffo, assentandoci dall’aula e sfruttando gli spazi offerti dalla legge regionale 6 del 29 marzo 2017 (che avrebbe provocato lo scioglimento della Giunta e del Consiglio in caso di mancata approvazione del Bilancio). La nostra assenza dal Consiglio Comunale ha messo il Sindaco in ridicolo, non meno di quanto sia riuscito già a fare da solo nel privato, mettendo a nudo la sua incapacità a chiamare a raccolta appena 5 consiglieri, sufficienti a garantire il numero legale in seconda convocazione. Tuttavia all’ARS hanno cambiato la legge e, pertanto, noi abbiamo deciso responsabilmente di consentire l’approvazione del bilancio riequilibrato, lasciando ai consiglieri del Sindaco la paternità dell’aumento delle tariffe. Diversamente da quanto accaduto nel 2012, con l’irresponsabile abbassamento delle aliquote Imu, incurante dei rilievi critici espressi da Segretario Comunale, Dirigente Finanziario e Revisori dei Conti, il M5S ha deciso di non caricare sulle spalle dei cittadini delle facili scelte, mosse unicamente da fini elettorali. Chiunque si troverà ad amministrare in futuro Acate, dovrà pagare lo scotto di troppi anni di disastrosa gestione della cosa pubblica. Il gioco al massacro non fa parte del nostro Dna. Ci auguriamo di poter servire la comunità lungo il percorso di risanamento e pacificazione, necessario al rilancio della nostra cittadina.

Print Friendly, PDF & Email