Acate. Nota del Partito Democratico, Circolo di Acate, su incarichi legali conferiti dal sindaco. Riceviamo e pubblichiamo.

Redazione Due, Acate (Rg), 21 ottobre 2016.- Da una lettura dell’Albo pretorio del Comune di Acate risulta che in data 1.10.2016 la Giunta comunale ha rilasciato al Sindaco cinque “assegni in bianco”, autorizzandolo a conferire incarichi di difesa a professionisti esterni non identificati nelle medesime delibere, per patrocinare altrettante cause promosse nei confronti dell’Ente davanti ad autorità giurisdizionali differenti. Emblematico il modus operandi dell’organo di governo e del Sindaco, che hanno omesso del tutto di osservare le regole di trasparenza amministrativa previste dalla legge a presidio della garanzia di legittimità dell’agire amministrativo. In proposito, come rilevato più volte dall’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione), le amministrazioni (fra cui rientrano i comuni) sono tenute a pubblicare i dati – fra cui rientrano anche quelli concernenti il conferimento di incarichi a professionisti esterni – di cui al d.lgs. n. 33/2013 in una specifica sezione del sito istituzionale, precisamente nella sezione denominata “Amministrazione trasparente”, cui i consociati hanno diritto di accedere direttamente ed immediatamente attraverso il sito comunale. Il deficit di trasparenza qui denunciato è la diretta conseguenza della assenza nel Comune di Acate di un regolamento per la disciplina degli incarichi legali esterni e per la gestione del relativo elenco, anche tenuto conto dell’inquadramento degli incarichi legali nella categoria “servizi legali”, contemplata nell’allegato IIB del D.Lgs 163/06. Solo un tale regolamento potrebbe garantire una effettiva trasparenza del Comune di Acate nella materia, in quanto con lo stesso si stabilirebbero le modalità, i criteri, i requisiti e le procedure per il conferimento di incarichi individuali, per prestazioni d’opera intellettuale aventi ad oggetto attività legale, nel rispetto dei principi di trasparenza economicità ed efficienza cui deve ispirarsi l’azione della Pubblica Amministrazione, in attuazione e nell’osservanza delle disposizioni di legge. Solo con il regolamento menzionato si garantirebbe il rispetto delle seguenti finalità di pubblico interesse nel conferimento degli incarichi legali, quali: contenimento, razionalizzazione e controllo della spesa pubblica corrente, in specie in questo momento delicato per le casse del Comune di Acate, sull’orlo del fallimento; -trasparenza nei criteri di conferimento da parte del Sindaco degli incarichi esterni, evitando eventuali forme di clientelismo. Al di là dell’assenza del regolamento in ogni caso le procedure per il conferimento degli incarichi legali richiederebbero, sempre nell’ottica della trasparenza e di pubblicità dell’azione amministrativa, la predisposizione di procedure aventi ad oggetto l’avviso pubblico aperto a professionisti esterni singoli o associati, esercenti l’attività di patrocinio dinnanzi alle magistrature di ogni ordine e grado. Infine, si rileva che la procedura seguita dall’amministrazione per l’affidamento degli incarichi legali omette il rispetto delle regole nella materia, in quanto, se la Giunta comunale è competente ad autorizzare il Sindaco a stare in giudizio, ed al sindaco compete in via esclusiva di conferire la procura alle lite al difensore, la scelta del difensore dovrebbe essere demandata all’assessore competente per materia, il quale procederà al relativo conferimento nel rispetto dei principi di trasparenza, efficacia, efficienza e professionalità, attenendosi a indefettibili criteri ed applicando la rotazione tra i professionisti, tenendo conto di: a) ramo di specializzazione b) esperienze risultanti dal curriculum c) casi di evidente conseguenzialità e complementarietà con altri incarichi aventi lo stesso oggetto, precedentemente conferiti d) foro di competenza della causa. (Nella foto il segretario del Circolo del PD di Acate: Daniele Del Piano)

La Segreteria

Print Friendly, PDF & Email