Acate. Orizzonti Chiari: “70 mila tonnellate di olio dalla Tunisia “

Redazione Due, Acate (Rg), 15 marzo 2016.- Alcune giorni fa la Comunità Europea ha definitivamente autorizzato la Tunisia ad esportare 70 mila tonnellate di olio senza dazio, per risarcire la stessa  dai danni che ha ricevuto, dai recenti problemi interni . Vale la pena fare presente che il patrimonio olivicolo italiano è stimato in circa 150 milioni di piante distribuite su una superficie di circa 1.165.458 ha. L’olivicoltura è presente in 18 regioni su 20, essa è particolarmente diffusa nelle Regioni meridionali ed insulari, in particolare nelle Regioni; Puglia, Calabria, Sicilia, Basilicata, Sardegna dove si realizza l’88% della produzione nazionale, pari mediamente a 600.000 tonnellate all’anno. Quindi viene fatto in questo modo un “danno” pari al 15% della produzione olivicola  nazionale. Ci rendiamo conto che la motivazione addotta dalla Comunità Europea  è  comprensibile. Non è invece motivata la circostanza che nessun contraccambio viene dato agli agricoltori  italiani in generale e meridionali in particolare, atteso che la maggior parte della produzione è in quelle aree. Non sappiamo se quelli che ci rappresentano abbiano ottenuto qualche forma risarcitoria, il problema va posto,  a breve faremo una nota, non certo a Juncker, ma ai parlamentari siciliani, per farci spiegare se hanno ottenuto qualche privilegio per gli agricoltori che vengono così pesantemente danneggiati.

Il Presidente

Ing. Giuseppe Di Natale

 Il Segretario

Gianpippo Busacca

 

 

Print Friendly, PDF & Email