Acate. Riceviamo e pubblichiamo una nota da parte del Movimento 5 Stelle di Acate. “Il metodo Raffo”.

In attesa di ricevere i provvedimenti autorizzativi e di conoscere le somme incassate dal comune di Acate dai recenti eventi organizzati al Castello, assistiamo all’ennesima battuta di caccia di Franco Raffo: come anche le pietre ormai sanno, il sindaco è infatti dedito da due anni alla caccia al mostro! E il mostro è sempre lui, l’ex sindaco Caruso e tutto quello che ha fatto nella sua decennale legislatura! Dove passa Raffo, non si deve sentire neanche l’odore della passata amministrazione perchè tutto, a priori, è sbagliato e quindi da smantellare e da rifare. Ricordiamo tutti che uno dei primissimi atti del sindaco Raffo fu proprio la cacciata dell’ex capo dell’UfficioTecnico Ing. Vincenzo Scavone, colpevole di avere lavorato nell’epoca Caruso! Era preparato? Era competente? E chi se ne frega! Il metodo Raffo non contempla tali criteri di giudizio.
I risultati di queste scelte sciagurate sono sotto gli occhi di tutti: da due anni l’ufficio tecnico è paralizzato, senza una guida stabile ma vittima degli umori e degli errori del sindaco.
Al di là della farsa dell’azzeramento delle cariche dirigenziali, oggi l’Ufficio Tecnico è occupato dal comisano Ing. Sidoti, nomina che puzza di illegittimità: chi di dovere ci toglierà al più presto ogni dubbio. Non se la passa meglio l’Ufficio di Polizia Municipale, ormai da anni allo sbando nonostante la dirigenza sia stata affidata a un vittoriese, tal Piccione, che, probabilmente, non è stato ancora avvisato del ruolo che ricopre: i risultati con cui “l’uomo venuto da fuori” avrebbe dovuto sorprendere gli acatesi nessuno li ha mai visti. L’unico ufficio che, almeno fino a oggi, ha dato grande prova di se è quello finanziario: immaginiamo lo sconforto del sindaco nel constatare che i conti del comune erano in ordine. Purtroppo chi vive di vittimismo ha bisogno di persone cui scaricare sempre e comunque delle colpe. E se le colpe non ci sono?
Ecco il metodo Raffo: si inventano! Ripetutamente Raffo ha attaccato, con delle motivazioni che rasentano il ridicolo, la dirigente dell’Ufficio Finanziario: forse che il sindaco sta cercando i pretesti per arrivare a una sua rimozione? Data l’estrema delicatezza del ruolo ricoperto dalla Dr.ssa Di Martino, considerato poi che nessuno all’interno del comune ha la sua qualifica e la sua esperienza, siamo sicuri che Raffo si farà vincere, almeno per una volta, dalla ragione…

Print Friendly, PDF & Email