Acate. Siglato a Vittoria l’accordo per la costituzione del Gal, “Valli del Golfo”. Nota dell’amministrazione comunale.

Redazione Due, Acate (Rg), 26 maggio 2017.- Siglato presso il Comune di Vittoria, l’accordo ufficiale per la costituzione, dopo due anni di intenso lavoro, del “Gal, Sviluppo Locale Valli del Golfo”. Un progetto che vede coinvolti i Comuni di Vittoria, Acate, Comiso e Gela. All’importante appuntamento era presente il Sindaco di Acate, prof. Francesco Raffo, protagonista ed attore, nel corso della stessa mattinata, di due eventi di estremo interesse. “La firma del Gal- ha sottolineato il primo cittadino- è il frutto di un lavoro di squadra, di continui incontri, dibattiti ed analisi delle reali problematiche dei nostri territori, finalizzate all’accesso ai finanziamenti europei partendo, però, da modalità ed impostazioni diverse rispetto al passato. Questa volta non si tratta più di singole iniziative, bensì di una sinergia tra Comuni e soggetti privati, veri attori dell’Economia locale. All’incontro di Vittoria, infatti, oltre ai rappresentanti dei quattro Comuni, erano presenti ben quattordici associazioni ed imprese. Un evento che ha non solo un alto valore politico ed economico, ma anche  un valore fortemente culturale. In una realtà come quella siciliana, dove regna da sempre l’individualismo esasperato, con conseguenti ricadute negative sul piano economico ed occupazionale, finalmente siamo riusciti a portare intorno ad un tavolo 18 Enti e condividere percorsi comuni di sviluppo dei nostri Territori e accesso ai finanziamenti europei. Stiamo progettando il Futuro, dopo avere studiato a fondo i punti di forza  e di debolezza dei nostri territori e condiviso gli ambiti tematici e gli obiettivi, consapevoli che non c’è alternativa se si ha a cuore il futuro della Sicilia e dei nostri giovani. Il mio motto, infatti, è sempre: partiamo da quello che di positivo abbiamo, ed è tanto,  per salvare il presente  e progettare il futuro.  Dopo la firma dell’accordo-continua il Sindaco Raffo- mi sono recato presso il presidio di Piazza Gramsci, sempre a Vittoria, e incontrare i numerosi imprenditori agricoli, indefessi lottatori a difesa del diritto alla vita delle nostre comunità. Ho condiviso le loro istanze e riconfermato la mia disponibilità ad elaborare strategie finalizzate a richiamare l’attenzione delle Istituzioni e della Politica. Non si molla, anche per rispetto alle  donne  coraggiose, volitive e forti, ma stanche di aspettare, che hanno scelto l’ultima ratio, un gesto estremo, lo sciopero della fame. Questa battaglia è anche la mia battaglia, perché si tratta della sopravvivenza delle nostre comunità e del futuro dei nostri giovani. Non chiediamo elemosine né contributi, bensì scelte politiche chiare e, fra l’altro, a costo zero. L’ho affermato in tantissimi incontri: al Fruit Logistica di Berlino, al Salone dell’Agricoltura di  Parigi, all’Expo di Milano, a Marina di Ginosa, dove lanciai anche una forte provocazione, la ricostituzione del Regno delle Due Sicilie, non certo per riportare sul trono i Borboni, ma per  portare sul trono la politica e i lavoratori. Chiesi la fine dell’Embargo alla Russia e, provocatoriamente, ma non troppo, l’intenzione di invitare il Presidente della Russia, Putin,  ad Acate, presso il nostro Castello dei Principi di Biscari. Un’altra mia proposta, come anticipato in un recente incontro tenutosi a Barrafranca, sarà quella di aprire un canale privilegiato con la Lituania, ponte privilegiato con i Paesi del Nord Europa. Tutto tace, noi no”.

L’Amministrazione Comunale

Print Friendly, PDF & Email