Agricoltura: il M5S di Vittoria diffida il Governo e chiede la dichiarazione dello stato di emergenza per il comparto agricolo

Il Movimento 5 Stelle di Vittoria ha formalmente notificato l’atto di  diffida, e la contestuale messa in mora a provvedere nei confronti del Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi e del Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, perché vengano attivate le clausole di salvaguardia previste dall’articolo 7 dell’accordo Euro-Marocco. 

Il documento, redatto e sottoscritto da Carmelo Giurdanella, avvocato ed esponente del M5S, porta in calce le firme anche di una decina di grandi, piccoli e medi  imprenditori agricoli di Vittoria, oltre che di professionisti e tecnici del settore. Nel testo dell’atto si legge come l’Accordo euro-mediterraneo con il Marocco “abbia messo in ginocchio l’economia agroalimentare del meridione d’Italia e della Sicilia in particolare, regione trainante del settore che presenta circa 4000 aziende solo nei territori di Pachino e Vittoria, ormai in profonda crisi economica”.

Per Giurdanella “non ci basta che le clausole di salvaguardia vengano chieste informalmente ad ogni tavolo di crisi. Se è vero che esiste un procedimento formale dettagliatamente disciplinato  – ha spiegato – che consente l’attivazione di tali clausole, è necessario seguire quell’iter, altrimenti sono solo chiacchiere. E allo stato degli atti, non ci risulta che sia stata inoltrata alla Commissione UE nessuna richiesta. L’attivazione delle misure di salvaguardia – ha concluso – permetterebbe, infatti, data la rilevante perturbazione del mercato e il danno grave al settore di produzione, l’adozione da parte dello Stato italiano di tutte le misure ritenute necessarie, anche la sospensione del trattato”.

Il documento, notificato anche al Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, al Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta e all’Assessore regionale dell’Agricoltura, Antonello Cracolici, diffida i destinatari entro 30 giorni “a richiedere, presso la Commissione, l’adozione delle misure di salvaguardie previste dall’art. 7 del protocollo allegato all’Accordo, secondo la procedura prevista dall’art. 159, paragrafo 2, del regolamento CE n. 1234/2007, al fine di tutelare i produttori del Meridione”. Viene chiesto, inoltre, ai destinatari dell’atto di avviare ogni possibile intervento per salvare il settore da questa gravissima crisi, dichiarando anche lo stato di emergenza per il comparto agricolo.

Print Friendly, PDF & Email