Avvio raccolta differenziata a Vittoria. Zorzi (Se la ami la cambi): “Struttura di contrada Pozzo Bollente sarà utilizzata come sito per stoccaggio dei rifiuti differenziati”

VITTORIA – Altra proficua seduta della commissione consiliare permanente “Assetto e Territorio” del Comune di Vittoria che ha effettuato su iniziativa del presidente Giuseppe Scuderi un sopralluogo alla discarica di Contrada Pozzo Bollente.

“La struttura – rende noto la consigliera comunale di “Se la ami la cambi” e vice presidente della Commissione Valeria Zorzi- sarà utilizzata come centro per il primo stoccaggio dei rifiuti dalla ditta che si occuperà della raccolta differenziata. Per questo motivo la Commissione ha ritenuto prendere visione del sito ed ha già dato indicazioni e suggerimenti per un  buon funzionamento così come ha segnalato la necessità che vengano effettuate alcuni manutenzioni abbandonate durante la gestione dell’Ato”.

Purtroppo i consiglieri comunali presenti hanno constatato che anche questo sito è stato oggetto di atti vandalici: sono stati divelti anche i fili elettrici. Ma a breve, annuncia la Zorzi, in contemporanea con la partenza della raccolta differenziata la struttura rientrerà in funzione. “All’interno del centro comunale di raccolta – prosegue l’esponente di “Se la ami la cambi”- verranno collocati dodici cassoni dove saranno depositate tutte le frazioni merceologiche prima di essere trasportate nelle diverse discariche convenzionate. Già esistono due piattaforme per la raccolta del vetro. Cosa più importante i cittadini potranno conferire direttamente oggetti ingombranti  o materiali particolari come i residui delle potature”.

La fase post-mortem della discarica è  gestita dall’Ato che ha provveduto a ricoprire tutta l’area per non far venire a contatto i rifiuti con le acque piovane. “A questo proposito – conclude la Zorzi- sono state installate diverse pompe per far confluire i biogas prodotti nei bruciatori attualmente in funzione mentre il percolato confluisce   nei pozzi dove sistematicamente vengono effettuate le analisi dell’Arpa per monitorare eventuali situazioni di inquinamento”.

Print Friendly, PDF & Email