Bilancio consuntivo EMAIA 2013, FDI: “Bilancio presentato e nomina Commissario straordinario sono il fallimento giunta Nicosia”

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma di Andrea Nicosia e Giovanni Moscato, consiglieri comunali di Fratelli D’Italia:

VITTORIA – È sul bilancio Emaia che intervengono i due consiglieri comunali di FDI- AN, i quali dichiarano; “ieri, in Consiglio Comunale è stato posto all’o.d.g. l’approvazione del bilancio consuntivo EMAIA 2013. Un bilancio che presenta perdite per il solo anno 2013 di 200.000 € ed una situazione ancora più disastrosa aspetta l’analisi dell’anno 2014”.
I numeri parlano chiarissimo – dichiara Nicosia- l’EMAIA rischia la liquidazione a causa della gestione dissennata, allegra e sprovveduta di chi l’ha diretta e presieduta fino ad oggi. Tale considerazione trova conforto nelle parole del dirigente, dott. Sulsenti, appena nominato commissario dell’Ente fieristico, il quale conferma la situazione difficile in cui vive il bilancio EMAIA. Egli stesso, in un suo intervento in aula, confessa la straordinarietà del momento e la gestione non certo oculata degli ultimi anni.
“Le parole del dottore Sulsenti e la scelta di nominarlo a commissario dell’EMAIA  – continua Moscato – sono la più evidente espressione del fallimento delle politiche perseguite dal PD in questi 10 anni. Questa nomina da parte del Sindaco della città è l’ammissione del fallimento della incapacità degli uomini che lui a scelto a guida EMAIA”.
“Nessuna delle fiere organizzate negli ultimi anni- continuano i due esponenti – ha prodotto utili, o ricavi. E’ documentato dagli atti del comune esse abbiano prodotto solo perdite, sprechi e nulla sul piano commerciale e dello sviluppo economico. L’Ente ha debiti nei confronti di fornitori e dipendenti per centinaia di migliaia di euro, ciò nonostante ha ritenuto di dovere affidare incarichi esterni e consulenze certamente evitabili. A tal riguardo il dottore Sulsenti ha comunicato di avere già proceduto al taglio delle spese inutili. Ha, altresì, comunicato che il direttore nominato percepirà retribuzione ridotta del 30% , consentendo all’Ente di risparmiare 185.000 annui.
Incalzano quindi i due consiglieri di opposizione: “alla luce di tali considerazioni è naturale chiedersi Nicosia non conosceva delle condizioni dell’Ente? Non avrebbe potuto provvedere già anni addietro ad avviare un percorso di risanamento della azienda? Non avrebbe dovuto eliminare sprechi e costi inutili? Si. Avrebbe potuto e avrebbe dovuto farlo. Abbiamo invece assistito ad ogni fiera ai toni trionfalistici che raccontavano successi e risultati eccelsi. Oggi forse dirà (come al solito) che non sapeva nulla delle condizioni economiche dell’Ente fiera?
L’approvazione del bilancio di ieri era atto propedeutico utile a consentire al nuovo commissario di ricontrattare le i rapporti con le banche per nuove linee di credito utili al rilancio della struttura.
Siamo rimasti in aula, nonostante l’astensione, perché ritenevamo essenziale e responsabile partecipare alla votazione e alla discussione.
Riponiamo fiducia nel dottore Sulsenti e nel  nuovo direttore dott. Di Blasi i quali essendo tecnici di altissimo livello agiranno nel pieno interesse della azienda.
Non possiamo però non mettere in evidenza il fallimento relativamente alla gestione EMAIA dell’amministrazione Nicosia, del Presidente Denaro (nonché segretario provinciale del PD) e del direttore Sbezzo.

Print Friendly, PDF & Email