Bruxelles, Europa co-finanzia le campagne di promozione di agricoltori e produttori agroalimentari per 191 milioni di euro. Leontini (FI): “Grande occasione per la Sicilia”

“La Commissione Europea ha adottato il programma di lavoro per il 2019 delle campagne di promozione, destinando 191,6 milioni di euro a programmi selezionati per il co-finanziamento dell’Unione”. A darne notizia è l’europarlamentare di Forza Italia, Innocenzo Leontini. Gli inviti a presentare proposte per campagne specifiche saranno pubblicati in gennaio 2019.  L’onorevole, intanto, spinge tutte le associazioni di categoria, le organizzazioni di produttori e gli organismi dell’agroalimentare che si occupano di promozione, a partecipare: “Siamo di fronte a una grande opportunità per gli agricoltori e i produttori agroalimentari siciliani – fa sapere l’onorevole Leontini – Essendo l’Europa il maggior produttore di prodotti enogastronomici di qualità e, nell’ambito dell’Europa rientra certamente l’Italia, con la Sicilia ai primi posti, ritengo apprezzabile l’azione compiuta. Da questo momento in poi, sarà necessaria un’opera di sensibilizzazione nel merito, sia da parte dell’Unione Europea che nei paesi terzi che hanno un elevato potenziale di crescita”.

I programmi per il 2019, infatti, sono rivolti sia al mercato interno della UE, che a quello esterno: “Un numero sempre maggiore di accordi commerciali – continua Leontini nella sua analisi – costituisce una più cospicua opportunità per i nostri produttori, assistiti nella promozione e nella esportazione dei loro prodotti”. Un accento particolare è posto sulle campagne che promuovono i diversi regimi di qualità, specie le Dop, le Igp, le Spg (specialità tradizionali garantite) nonché i prodotti biologici. Alcuni settori specifici come il riso e gli ortofrutticoli sostenibili sono destinatari di una domanda specifica di finanziamento. “I programmi relativi a dei regimi di qualità dell’Unione Europea – commenta l’eurodeputato del Partito Popolare Europeo – sono preziosi per l’agricoltura della nostra regione. Essi mettono in luce le caratteristiche salienti dei metodi di produzione agricola, con particolare riferimento alla sicurezza alimentare, alla tracciabilità, alla autenticità, all’etichettatura, agli aspetti nutrizionali e sanitari, al benessere degli animali e al rispetto dell’ambiente. Le caratteristiche dei nostri prodotti, per quanto riguarda la qualità, il gusto, la diversità o le tradizioni, sono sicuramente le più indicate per la fruizione di tali finanziamenti”.

Print Friendly, PDF & Email