Elezioni in Grecia: La reazione dei deputati europei

Le elezioni legislative in Grecia del 25 gennaio hanno eletto Syriza, un partito di sinistra che ha promosso una campagna sulle misure anti-austerità. “Abbiamo chiesto – commenta l’ufficio stampa del Parlamento Europeo – al presidente Martin Schulz del Parlamento Europeo, nonché ai rappresentanti dei gruppi politici, di condividere le loro opinioni e le aspettative dopo il voto“.Il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz ha dichiarato che il leader di Syriza Alexis Tsipras ha il pieno diritto di essere rispettato come il nuovo Primo Ministro democraticamente eletto di un paese dell’UE, ma ha anche sottolineato che “dobbiamo attenerci agli accordi stipulati per stabilizzare la Grecia e l’Unione europea“.
Spero che la zona euro non subirà conseguenze“, ha detto José Manuel Fernandes (PPE, Portogallo), reagendo alla notizia di una coalizione con un partito dall’estremo opposto, “Non mi sembra un buon segnale“.
La strada giusta è quella di cambiare le politiche economiche europee insieme“, ha detto Gianni Pittella (S&D, l’Italia). Tuttavia, egli ha criticato la decisione di Syriza di formare una coalizione di governo con un gruppo di destra.
Mark Demesmaeker (ECR, BE) ha indicato che l’unica possibilità è proseguire sulla strada delle riforme. “Se sei membro di un club, è necessario rispettare le regole“, ha detto riferendosi alla partecipazione alla Grecia nella zona euro.
Gérard Deprez (ALDE, BE) ha sottolineato che la ristrutturazione del debito greco è “assolutamente concepibile“, ricordando anche che la situazione economica in Grecia è unica e non deve essere confrontata con altri paesi.
È un trionfo per Syriza, la sinistra e il popolo greco e una sconfitta per le politiche che hanno portato alla disoccupazione, la miseria e la povertà“, ha detto Marina Albiol Guzmán (GUE / NGL, Spagna).
Philippe Lamberts (Verdi / ALE, BE) ha accolto con favore la notizia della vittoria di Syriza, in quanto ha segnato l’arrivo di una nuova forza politica greca.
Oggi il progetto euro è morto“, ha detto Raymond Finch (EFDD, UK) e ha ricordato che la Spagna e l’Italia potrebbero andare alle elezioni entro la fine dell’anno con i partiti anti-austerità che potrebbero fare un buon risultato.

Foto by europarl.europa.eu

Print Friendly, PDF & Email