Falcone (FI): Sicilia e-servizi doveva essere un modello e invece é un gran pasticcio

 

Palermo, 16 giugno 2015 – “Prima i contenziosi, ieri il blak-out che ha paralizzato l’anagrafe e i cup, oggi Crocetta convocato dalla Guardia di Finanza non in veste di accusatore, com’è aduso fare, bensì d’indagato per abuso d’ufficio nell’ambito delle indagini sulle assunzioni. Con lui sotto inchiesta ci sono l’ex pm e amministratore unico della società partecipata, Antonio Ingroia (sarà interrogato domani), e gli ex assessori che avallarono le assunzioni. Tutto ciò nell’ambito di Sicilia e-Servizi che, come rivendicavano sia il Governatore che l’ex pm era diventata un modello di legalità, di efficienza e di trasparenza gestionale, nei fatti, invece, sembra che sia un gran pasticcio”.

Lo ha dichiarato Marco Falcone, Capogruppo di Forza Italia all’Ars che invita il Governatore Crocetta a riferire in Parlamento sulla vicenda.

, 16 giugno 2015 – “Prima i contenziosi, ieri il blak-out che ha paralizzato l’anagrafe e i cup, oggi Crocetta convocato dalla Guardia di Finanza non in veste di accusatore, com’è aduso fare, bensì d’indagato per abuso d’ufficio nell’ambito delle indagini sulle assunzioni. Con lui sotto inchiesta ci sono l’ex pm e amministratore unico della società partecipata, Antonio Ingroia (sarà interrogato domani), e gli ex assessori che avallarono le assunzioni. Tutto ciò nell’ambito di Sicilia e-Servizi che, come rivendicavano sia il Governatore che l’ex pm era diventata un modello di legalità, di efficienza e di trasparenza gestionale, nei fatti, invece, sembra che sia un gran pasticcio”.

Lo ha dichiarato Marco Falcone, Capogruppo di Forza Italia all’Ars che invita il Governatore Crocetta a riferire in Parlamento sulla vicenda.

Print Friendly, PDF & Email