Futuredem: “Dal verde pubblico alle strisce blu. L’amministrazione Piccitto ha peggiorato lo stato di salute della frazione rivierasca. Si annuncia una estate ricca di problematiche”

Ragusa (Marina di Ragusa), 18 maggio 2015 – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma di Carlo Giannone (FutureDem):

All’indecenza non c’è mai fine. Marina di Ragusa è da anni una località balneare altamente frequentata durante il periodo estivo, simbolo della bellezza esotica della nostra ormai ex provincia. Tuttavia l’amministrazione grillina si è dimostrata ancora una volta incapace di valorizzare il territorio e di migliorare le vite dei cittadini come si evince dagli ultimi provvedimenti attuati”. E’ quanto chiarisce FutureDem Ragusa, il movimento composto da giovani democratici aperti alla società civile, con la presenza sia di tesserati che di simpatizzanti, nel mettere in evidenza tutto ciò che non va. “Parte delle storiche aiuole di una porzione del lungomare di Marina di Ragusa – aggiunge il soggetto politico – è stata privata dei pitosperi con l’obiettivo di sostituire quest’ultimi con dei prati. Eppure, dopo l’estirpazione, non c’è alcun tipo di prato a vantaggio della crescita di numerose erbacce. A ridosso del periodo estivo, questa situazione non può che dare una cattiva impressione di Marina. Come se non bastasse, alla vana ricerca di nuove entrate per le casse comunali, la stessa porzione di lungomare è stata disseminata di strisce blu che iniziano a piazza Malta e terminano nella zona in cui sono installate ogni anno le cosiddette “giostre”. Ovviamente, questo provvedimento avrà pesanti ripercussioni sulle spiagge confinanti dove i turisti potrebbero non recarsi più, essendo costretti a pagare numerosi euro per parcheggiare la macchina. Trascorrere un’intera giornata in tali spiagge sarà un costo notevole per le spese di turisti, villeggianti e residenti. Questa assurda gestione di un luogo di cotanta bellezza del nostro territorio si è tramutata nella mancata assegnazione della bandiera blu. Ragusa perde credibilità politica e ancora peggio turismo, importante fattore per l’economia di una città”. “Ritengo – aggiunge il consigliere Mario D’Asta – che la riflessione dei FutureDem debba essere tenuta in debita considerazione perché arriva da giovani che hanno il polso della situazione di tutto ciò che accade in città e seguono con occhi attenti l’evolversi delle vicende amministrative e politiche. E su Marina, purtroppo, l’Amministrazione Piccitto ha preso una sonora batosta”.

Print Friendly, PDF & Email