Il parlamento europeo commemora Auschwitz, Giuffrida: “ricordiamoci il prezzo delle libertà, niente regali a chi strumentalizza le tragedie”

BRUXELLES – Sono trascorsi 70 anni dall’apertura dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, il momento in cui fu rivelato al mondo l’orrore del genocidio nazista“. Così apre la nota inviata alla stampa da parte di Michela Giuffrida, deputato europeo del Partito Democratico e membro del gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo.
Terrorismo, immigrazione, guerre di religione. Quando ricordiamo – continua Giuffrida – Auschwitz pensiamo alle persone, agli individui. I diritti della persona precedono e generano la società giuridicamente organizzata nell’autorità della legge e non ne discendono – non dimentichiamolo mai – soprattutto quando si parla di liberta e diritti.
Ricordiamo il  passato pensando al futuro. Lavoriamo tutti alla pace positiva, non solo come assenza di guerra ma come cooperazione, impegno, progetto, ricordandoci come la liberta di cui oggi godiamo – compresa la liberta di circolazione in tempi in cui c’è chi invoca restrizioni o clamorosi passi indietro strumentalizzando dolorosissimi eventi – è stata conquistata a prezzi altissimi. Non facciamo sconti ne regali a chi usa la strategia del terrore per propri fini.
Costruiamo scuole e case non alziamo muri“.

Print Friendly, PDF & Email