Istat. Taddei (PD): “con jobs act cresce e migliora lavoro”

DICHIARAZIONE DI FILIPPO TADDEI, RESPONSABILE ECONOMIA E LAVORO PD

ROMA – “Il dato sul I trimestre 2016 conferma l’aumento della occupazione (tasso di occupazione al 56,7%) e il calo della disoccupazione che già emergeva dai dati mensili. Il numero di italiani con un lavoro torna ai livelli di 4 anni fa. Non è solo un aumento della quantità di lavoro, che coinvolge tutte le macrozone del paese – Nord, Centro, Sud – e sia le donne che gli uomini, ma continua anche il miglioramento della qualità del lavoro.

Nel I trimestre 2016, per il secondo trimestre consecutivo, l’aumento dell’occupazione è interamente guidato dal numero di occupati a tempo indeterminato, mentre calano quelli a termine e si stabilizza il numero di autonomi. Cala l’incidenza dei collaboratori tra gli autonomi, altro obiettivo cercato dal Jobs Act: ricondurre il falso lavoro autonomo nei confini del lavoro dipendente propriamente tutelato.

Aumenta per il quinto trimestre di fila il numero di ore lavorate per dipendente. E’ il segno che chi ha un lavoro incontra oggi meno difficoltà mentre chi viene assunto si trova in condizioni migliori rispetto a prima.

Questa dinamica occupazionale fa ben sperare anche per l’aumento della crescita del PIL nel proseguo dell’anno. I dati trimestrali di oggi ci danno ragioni profonde per guardare con ottimismo a quanto fatto sul fronte del taglio delle tasse e del mercato del lavoro e per rinnovare il nostro sforzo a continuare l’impegno riformatore su questo fronte.”

 

Print Friendly, PDF & Email