Laboratorio Politico Berlinguer Comiso: “Europa nemica della Sicilia”

COMISO – Il Laboratorio Politico Berlinguer Comiso, con una sua delegazione, era presente martedì all’incontro tenutosi a Vittoria tra i Sindaci della fascia trasformata, i Produttori e le Associazioni di categoria, che a vario titolo rappresentavano il comparto agricolo. Diffidenza, sfiducia e animosa angoscia – si legge sulla nota inviata alla stampa dal Laboratorio Politico Berlinguer Comiso – si respiravano nella sala congressi della Fiera Emaia di Vittoria. Fin da subito l’intervento dell’europarlamentare Giuffrida ha riscaldato gli animi della platea a dimostrazione che la situazione in cui versano i produttori è a dir poco drammatica. L’arrivo di prodotti provenienti da altri paesi come Spagna e Nord Africa stanno mettendo in ginocchio le aziende agricole. La politica europea fin dal 2012, con la sottoscrizione dell’accordo Euro-Mediterraneo, che prevedeva la completa liberalizzazione delle importazioni Marocchine, ha compromesso in maniera irreversibile una già difficile realtà produttiva. Il LPBComiso esprimendo profonda solidarietà all’intero comparto condivide l’idea che a Bruxelles i rappresentanti dei maggiori partiti politici italiani non abbiano realmente percepito l’entità del problema, rimanendo indifferenti alla sofferenza e alla disperazione di tutto il settore agricolo. La politica di palazzo ancora una volta lontana dal popolo, da un popolo che umiliato vede svendere giornalmente i propri prodotti, ledere i propri diritti e calpestare la propria dignità“.
La qualità dei prodotti Mady in Italy, che è stato l’orgoglio dei nostri avi, oggi è stata depauperata dalle rigide e superficiali leggi di mercato e arginata dalla politica del business e del consumismo”. Queste le parole del Responsabile del Progetto Agricoltura, Nunzio Monaco, subito dopo l’incontro a Vittoria, che lo vede impegnato quotidianamente all’interno del LPBComiso a fianco dei giovani produttori per la tutela e la salvaguardia dei prodotti locali . “E’ inaccettabile come i deputati italiani al Parlamento Europeo – Conclude la nota del Laboratorio Politico – siano stati in grado di sottoscrivere un tale accordo e non riescano soprattutto ad intervenire per ridiscuterne i termini o di appellarsi alle clausule di salvaguardia previste dallo stesso. Il LPBComiso ritiene che siano necessari ed indispensabili, in un momento così delicato e tragico, interventi immediati a sostegno degli Agricoltori Siciliani partendo da sgravi fiscali sui costi di produzione da mettere a carico del Bilancio Nazionale e Comunitario al fine di evitare che una delle fondamentali ricchezze della Regione Siciliana venga distrutta da accordi Politici e Commerciali privi di un sano equilibrio“.

Print Friendly, PDF & Email