Legge su ibla, D’Asta e Chiavola plaudono al lavoro svolto dai deputati regionali Dipasquale e Digiacomo

LEGGE SU IBLA, D’ASTA E CHIAVOLA: “MENTRE LA GIUNTA GRILLINA CONTINUA A TARTASSARE I RAGUSANI, C’E’ CHI COME L’ON. DIPASQUALE E L’ON. DIGIACOMO SI ADOPERA IN MANIERA ATTENTA E PUNTUALE PER RECUPERARE FONDI E RIDARE RESPIRO A UNA NORMA DI VITALE IMPORTANZA PER LA NOSTRA CITTA’”

“L’attenzione dei deputati regionali del Pd nei confronti della città di Ragusa è concreta e palpabile. Dopo che il sostegno finanziario era venuto a mancare lo scorso anno, ecco che grazie all’on. Nello Dipasquale e all’on. Pippo Digiacomo è stato possibile “resuscitare” la cosiddetta Legge su Ibla. Un risultato importante che è opportuno sottolineare nella maniera adeguata”. Lo dicono i consiglieri comunali del Pd di Ragusa, Mario D’Asta, presidente provinciale del partito, e Mario Chiavola, nel commentare l’approvazione all’Ars dell’articolo 1 della Finanziaria grazie a cui sarà possibile il finanziamento per un milione di euro della legge regionale n. 61 dell’11 aprile 1981. “Ancora una volta, l’on. Dipasquale, in particolare, ha dimostrato notevole e concreta attenzione nei confronti di una città la cui amministrazione comunale a trazione grillina, pur avendo l’opportunità di contare su decine di milioni di euro per le royalties petrolifere, continua a tartassare i cittadini. Ora arriva questa ulteriore ricaduta positiva, sul piano economico, per i centri storici cittadini. Certo, la copertura finanziaria, nel corso degli anni, si è ridotta sempre di più fino a scomparire del tutto nel 2016. Ora, grazie all’impegno della deputazione regionale iblea del Partito Democratico, è stato possibile riavviare un percorso che contribuirà a rendere ancora più accattivante delle aree di Ragusa che continuano ad essere meta di numerosi visitatori e turisti”.

Print Friendly, PDF & Email