L’On. Ragusa: “Il caso Giuffrè e la donazione mancata”

L’on. Ragusa: “Vicenda da risolvere entro venerdì prima che il nostro conterraneo riparta per l’America”

“Prima che venerdì il nostro conterraneo Pippo Giuffrè, al centro, suo malgrado, di una vicenda paradossale, e non certo per colpa sua, riparta per l’America, chiederò al presidente della VI commissione, on. Pippo Digiacomo, di sentirlo e di valutare, nella sua qualità istituzionale, se ci sono i margini per una ricomposizione di questo assurdo caso”. Lo dice l’on. Orazio Ragusa che, dopo avere sentito le parti, si sta impegnando per non dare l’impressione che il territorio non abbia saputo cogliere il grande gesto di generosità che Pippo Giuffrè, con la donazione di due milioni di dollari proveniente dall’associazione “Figli di Ragusa” di New York, ha voluto compiere per aiutare il completamento dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa. “Ci sono, a volte – continua l’on. Ragusa – delle opportunità che bisogna saper cogliere. E ci sono determinati valori che solo chi nasce in questa terra, anche se poi è stato costretto ad abbandonarla, anche se ha fatto fortuna altrove, riesce a coltivare sino in fondo. Siamo certi che si sarà trattato di un equivoco clamoroso. E resto altrettanto sicuro che il manager dell’Asp, e in questo caso faccio appello alla sua sensibilità di uomo delle istituzioni, si profonderà al massimo per cercare di recuperare il terreno perduto e di chiarire tutti i contorni della vicenda”.

Print Friendly, PDF & Email