Nicosia e Moscato: “Fiera Emaia, ennesimo trattato di malgoverno del Pd e del sindaco”

Vittoria, 10 giugno 2015 – “Dobbiamo necessariamente complimentarci – affermano i consiglieri di Fratelli d’Italia Giovanni Moscato e Andrea Nicosia – con il nostro sindaco Giuseppe Nicosia che con machiavellica bravura è riuscito a redigere un trattato di mal governo e cattiva amministrazione da tramandare ai posteri per farne un caso di studio di pessima condotta”.
“Questo trattato di cattiva amministrazione è contenuto nelle pagine e nelle cifre del bilancio consuntivo dell’Emaia 2014. Un bilancio che dimostra in maniera inequivocabile il fallimento del sistema feudale del sindaco e dei suoi accoliti siano essi Salvatore Di Falco, Giovanni Denaro, Angelo Fraschilla o Paolo Sbezzo.
La pietra miliare del disastro che segna il confine verso il baratro è la perdita d’esercizio che è passata da 200mila euro a 938mila euro per l’azienda Emaia.
“Il sindaco Nicosia e i suoi amministratori – spiegano i consiglieri Giovanni Moscato e Andrea Nicosia – hanno quadruplicato le perdite dell’Emaia! E come se non bastasse a questo dato si aggiunge l’aumento dei debiti oggi pari a euro a 2miiloni e 800mila euro, quindi un incremento di quasi 1 milione rispetto all’anno precedente”.
“Il mirabolante trattato di malgoverno, uno dei tanti scritti dal Partito Democratico di Vittoria, prosegue rilevando un valore del patrimonio netto dimezzato passato da 2milioni e 100mila euro a poco più di un milione. Il risultato è quello di avere una Fiera Emaia sempre meno credibile e sempre più povera”.
“Un altro fallimento sono state le Fiere organizzate nel 2014: ben 5 eventi su 5 hanno perdite milionarie. Si passa dagli oltre 46mila euro di Medexpo ai quasi 79mila di Motoexpo. Per non parlare dei 100mila euro della Campionari, dei 74mila euro di Agrem e dei 62mila di Kamò”.
“Quello che si evince – tuonano i consiglieri di Fratelli d’Italia – è una gestione fallimentare dell’Emaia. E il principale responsabile è il sindaco Giuseppe Nicosia che governa la città di Vittoria da quasi 10 anni e che per altrettanti è stato vicesindaco”.
“Eppure le nostre battaglie tese a salvare l’Emaia e Vittoria dal feudalesimo di Nicosia – il caso Dezio docet – avevano comunque portato gli amministratori a nominare un commissario, il dottor Sulsenti, per cercare di fare uscire l’ente fieristico dal guado pur con scelte dolorose come la cassaintegrazione dei dipendenti”.
“Esprimiamo apprezzamento – sottolineano Moscato e Nicosia – per l’operato del commissario Sulsenti che ha lavorato proficuamente e a titolo gratuito dando il là a un percorso virtuoso e di austerità. Il direttore Di Blasi aveva dimezzato la sua indennità e insieme stavano cercando di colmare il debito verso i fornitori”.
In consiglio avevamo approvato un’anticipazione di 250mila euro per salvare l’ente ma alla luce dei numeri disastrosi contenuti nel consuntivo di bilancio possiamo affermare che quanto fatto dal consiglio e dal commissario e dal direttore è stato un lavoro inutile: i problemi si sono aggravati in maniera esponenziale e il sindaco ha continuato ad utilizzare l’Emaia per i propri scopi elettorali servendosene con inaudita sfacciataggine come un collocamento per la ricerca di consenso.
“Se Nicosia fosse stato l’amministratore di un’azienda privata – aggiungono i consiglieri – la proprietà l’avrebbe licenziato in tronco. Il Pd ha dato l’ennesima dimostrazione di non saper governare la cosa pubblica. Sono abilissimi invece – come abbiamo denunciato – a distruggere le aziende che gestiscono basti pensare alla fine che ha fatto l’Amiu sommersa dai debiti.
Gli uomini del Pd (Di Falco, Fraschilla, Denaro, Sbezzo) hanno distrutto l’Emaia e adesso il sindaco ha interrotto il percorso di risanamento esautorando il commissario Sulsenti per piazzare gente senza alcuna esperienza gestionale come Tolomeo. Purtroppo il declino dell’Emaia è irreversibile: un’azienda con 3 milioni di euro di debiti e che non produce utili . Complimenti a Nicosia e al PD, verranno ricordati per coloro che sono riusciti a distruggere AMIU e EMAIA, un incubo per la città. E questo è l’ultimo capitolo di una storia triste e squallida che penalizza e umilia Vittoria e i vittoriesi e non vediamo l’ora che finisca questo calvario per la comunità”.

Print Friendly, PDF & Email