Noto. Stabilimenti balneari:”Notolibera contesta le dichiarazioni del sindaco”

Le dichiarazioni del sindaco Corrado Bonfanti non piacciono a  Notolibera.
In riferimento alla questione degli stabilimenti balneare  in c/da Eloro /Pizzuta , Notolibera sottolinea di non aver affermato che l’Amministrazione non si era espressa per il no, però a questo punto è giusto sottolineare che sino al 6/7 Febbraio nulla trapelava in merito, mentre la Commissione dei Servizi era già indicata per il 12. La conferenza dei capigruppo è avvenuta quasi a ridosso della conferenza dei servizi con tutta la frenesia che ne è conseguita e gli articoli pubblicati sui giornali ne sono la testimonianza. In merito invece all’inutilità della presenza delle associazioni nella Conferenza dei Servizi si precisa che la presenza delle Associazioni non è così irrilevante come vuole fare passare, perché’ in altre circostanze la pressione che queste hanno determinato hanno fatto risolvere per il giusto verso le questioni. La presenza delle associazioni è inoltre stabilita dal regolamento della Suap, lo Sportello Unico per le Attività produttive che dovrebbe fare da tramite fra il privato che vuole fare impresa e le Pubbliche Amministrazioni. In questo caso e come per tanti altri, le associazioni possono prendere parte alla conferenza dei servizi e possono presenziare ed esprimere parere facendolo mettere a verbale ma quest’ultimo non è determinante ai fini della decisione finale. Altre volte Notolibera ha partecipato, quasi sempre ha incaricato un tecnico competente. In riferimento al Piano Spiagge, un piano redatto dal Comune nel 2007 ,approvato successivamente dal Consiglio ma non ancora recepito dalla Regione Sicilia, ecco il punto che il Sindaco non vuole capire o fa finta di non capire: “ci dica quali attività ha messo in essere l’Amministrazione Bonfanti nei confronti della Regione Sicilia per fare recepire al più presto quanto scritto e fatto nel lontano 2007,a parte il fatto che la Regione andrà ad approvare un piano già superato, visto che anche la Sovrintendente parla di ulteriori limiti paesaggistici, archeologici e ambientali intervenuti nel 2011,compreso la tanta attesa perimetrazione del Parco di Eloro.
“Farebbe bene il Sindaco piuttosto che spazientirsi accusando di strumentalizzazione, nel mettere in atto tutte quelle iniziative affinché il SUAP non si trasformi in una trappola a dispetto di tante belle parole”

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email