Odg sull’agricoltura al Consiglio comunale di Vittoria, Pelligra (Forza Italia): “I consiglieri dem sono bravi a mistificare la realtà”

VITTORIA (RG) – “Piace sempre ai colleghi consiglieri del Pd cercare di mescolare le carte per fare apparire le cose come in realtà non sono. E’ un metodo, quello di dire una cosa per un’altra, che hanno utilizzato a livello nazionale e che, naturalmente, a cascata scelgono di adottare anche in ambito locale”. A dirlo è il capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Vittoria, Biagio Pelligra, con riferimento all’ordine del giorno sulla questione agricola esitato in queste ultime ore. “Nonostante i meriti che i dem pretendono di ritagliarsi – afferma Pelligra – ventilando il fatto di essere riusciti loro a fare impegnare l’amministrazione comunale a sostenere gli agricoltori del nostro territorio in difficoltà, in realtà la questione è ben differente perché l’amministrazione comunale, sui primi punti riguardanti l’ordine del giorno adottato, si era già attivata. Ma non solo. C’era anche un punto concernente l’abbattimento dei tributi locali alle aziende agricole che non poteva essere attuato in quanto, ma forse i dem non lo sapevano, le aziende agricole non pagano questa tipologia di tributi. Quindi, non solo il Pd e Nuove Idee hanno presentato un ordine del giorno in maniera tardiva ma per di più era del tutto errato e per questa stessa ragione non avrebbe potuto essere votato. Ecco perché dopo due ore di spiegazioni provenienti dai banchi della maggioranza, è stato finalmente raccolto il nostro invito a modificare totalmente il documento perché errato. Vorremmo dunque comprendere di quale battaglia vinta parlano i dem se, invece, è solo grazie alla responsabilità manifestata dalla maggioranza che si è riusciti a chiudere in maniera costruttiva una questione che era stata posta in maniera totalmente sbagliata. Siamo, altresì, convinti che l’amministrazione comunale si è sempre spesa finora, per quanto riguarda la grave problematica agricola, nella maniera più opportuna. Anche se non bisogna dimenticare che, in assenza del governo nazionale, manca un interlocutore autorevole per riuscire a dirimere le numerose questioni rimaste ancora sul tappeto e per le quali, purtroppo, non si è ancora in grado di trovare una via d’uscita”.

Biagio Pelligra
Print Friendly, PDF & Email