Olio, etichettatura, M5S: “Basta al consumo di oli vecchi, più trasparenza in etichetta”

ROMA, 05 FEBBRAIO 2015 –La trasparenza per i consumatori è la cosa più importante, dobbiamo tutelarla e migliorare le informazioni sulle etichette degli oli venduti in Italia, per evitare il consumo di oli ‘vecchi’ che affollano gli scaffali dei nostri supermercati”. Così i deputati della commissione Agricoltura del M5S. “Abbiamo presentato una nostra proposta di legge, a prima firma Gallinella, per impegnare il governo a recepire il Regolamento UE relativo alle informazioni sugli alimenti ai consumatori, ed inserire così maggiori informazioni sulle etichette di oli d’oliva vergini ed extra vergini destinati alla commercializzazione nel territorio nazionale”.
E’ indispensabile, per assicurare l’autenticità del prodotto, indicare in etichetta il maggior numero di informazioni possibili, tali da consentire al consumatore di valutare al meglio il prodotto che acquista. L’etichettatura europea negli anni si è evoluta e perfezionata, ma mancano ancora delle indicazioni che riteniamo siano necessarie quali: la campagna di raccolta delle olive e la data di imbottigliamento dell’olio. I cittadini non lo sanno, ma spesso le bottiglie d’olio che trovano nei supermarket sono rimaste stoccate in magazzini anche per  diversi anni. Inseguito alla crisi del settore oleario i prezzi si sono impennati ed è giusto che i cittadini, che spendono i loro soldi in prodotti di qualità, conoscano quanto tempo fa è avvenuta sia la raccolta che l’imbottigliamento – concludono i pentastellati –  così da poter sceglierecon maggior chiarezza il prodotto più fresco”.

Print Friendly, PDF & Email