Peppe Mangione di Forza Vittoria: “Al PTE di Scoglitti va incrementato il personale anziché depotenziarne il servizio”

Vittoria, 23 ottobre 2015 – Una vicenda che sta suscitando polemiche in questi giorni, riguarda il caso del paventato depotenziamento del PTE di Scoglitti, un presidio territoriale operativo che garantisce servizi sanitari, di sicurezza e di assistenza ai residenti.
Uno scontro fra consiglieri comunali che si confrontano su dibattiti e pareri contrastanti ma rivolte ad un denominatore comune che è la salute dei residenti di Scoglitti.
Interviene l’esponente di Forza Vittoria, Peppe Mangione, a tal proposito: “Vicenda incresciosa e al quanto paradossale. Ci facciamo portavoce delle lamentele che in queste ultime ore stanno allarmando la comunità scoglittese perché Scoglitti necessita annualmente di un presidio operativo, h 24, con assistenza continua. Un servizio di cui i residenti non possono farne a meno. Ma ci rendiamo conto che, il problema non concerne solo la questione della chiusura durante la stagione invernale nonostante vengano eseguiti decine di interventi ma subentra, anche il rischio di poter togliere un’ambulanza fondamentale, qualora ci fossero casi di emergenza.”
Continua la nota dell’esponente di Forza Vittoria: “Inoltre, l’ipotesi dello smantellamento del presidio, servizio offerto a un vasto territorio (il PTE ricopre le zone della Forestale e di Marina di Acate), creerebbe disagi all’intera comunità scoglittese poiché privata di un servizio di vitale importanza e soprattutto in grado di affrontare casi di emergenza. Perché, qui si parla di vite umane e per questo il problema andrebbe attenzionato.”
“Invece, considerata la presenza carente di personale infermieristico che comporterebbe la chiusura della struttura e quindi non potrebbe operare con continuità durante interventi esterni dell’equipe, chiediamo e proponiamo la disposizione di ulteriore personale, in grado di sopperire a casi di emergenza. Occorrerebbe, anche, la copertura di turni diurni in doppio e garantire, di conseguenza, la presenza del medico durante gli interventi richiesti dalla centrale operativa. Sono dei piccoli passaggi ma indispensabili per salvare vite umane”.
“Ci opponiamo, pertanto al depotenziamento della struttura e siamo pronti ad interventi a fianco dei residenti qualora si presentasse il tentativo o il rischio della soppressione di tale servizio, indispensabile per la comunità scoglittese”.

Print Friendly, PDF & Email