Pietro Grasso: Gioia per l’elezione e rammarico per non aver potuto aggiungere il mio voto ai 665

 

Tra le tante dichiarazioni non potevamo trascurare quella di Pietro Grasso, Presidente del Senato della Repubblica.

Grasso si rammarica di non aver potuto aggiungere il suo sufragio ai 665 ottenuti da Sergio Mattarella. Non gli è stato possibile esercitare il suo diritto di voto perché le norme prevedono che il Capo dello Stato, anche provvisorio, non può votare. In compenso però per Mattarella ha votato Giorgio Napolitano.

Ecco quanto scrive sulla sua pagina di Facebook il Presidente del Senato, Pietro Grasso:

“Una grandissima gioia e il piccolo rammarico di non aver potuto aggiungere il mio voto alle 665 schede sulle quali è stato scritto il suo nome. Conosco Sergio Mattarella da moltissimi anni e sono legato a lui non solo dalle comuni radici palermitane ma soprattutto da una profonda stima.
Oggi il Parlamento ha scelto, dando una grande dimostrazione di serietà e maturità, un uomo la cui integrità morale è unanimemente riconosciuta. Sergio Mattarella interpreterà con grande saggezza l’incarico di Presidente della Repubblica, rappresentando al meglio l’Unità nazionale e il ruolo di garante della Costituzione. Sarà un grande Presidente, ne sono certo: l’ho chiamato per fargli i migliori auguri di buon lavoro.
In questo giorno così bello per la nostra Repubblica il pensiero non può non andare anche a suo fratello Piersanti – esempio di competenza, passione, senso di responsabilità e slancio etico – che 35 anni fa venne assassinato dalla mafia per il suo contrasto alle trame criminali.”

Print Friendly, PDF & Email