Ragusa. D’Asta sul caso “ordine pubblico in piazza san Giovanni”

D’Asta e il circolo Rinascita Dem: “Chiediamo la convocazione di una seduta aperta del consiglio comunale”

RAGUSA – “Sarebbe importante che la Giunta municipale, accogliendo il nostro suggerimento, fornisse il dovuto impulso alla presidenza del Consiglio comunale per promuovere una seduta aperta del civico consesso in piazza San Giovanni. E ciò per affrontare la problematica ordine pubblico che riguarda il sito in questione e buona parte del centro storico superiore. Così come serve affrontare il problema della sicurezza nel resto della città, in particolar modo, nelle periferie”. La proposta è stata lanciata dal capogruppo del Partito Democratico, Mario D’Asta, assieme al circolo Rinascita Dem, il quale ritiene che sia il momento adatto per dare un segnale istituzionale proveniente dalle rappresentanze dell’intera città. “Dobbiamo riportare – continua il rappresentante dem – la buona politica coinvolgendo la parte sana e creativa della città. Purtroppo, ci rendiamo conto che gli interventi delle forze dell’ordine sono quasi quotidiani perché c’è la presenza di un fenomeno che bisogna tenere nella dovuta considerazione. Spacciatori e consumatori hanno fatto diventare questo posto ricettacolo anche di delinquenza di altro tipo. Apprezzabile quello che è stato fatto in queste ultime settimane. Ma ancora non basta. E’ arrivato il momento di una forte mobilitazione anche da parte di palazzo dell’Aquila e la convocazione di una seduta aperta del Consiglio comunale andrebbe senz’altro in questa direzione. E’ necessario  discutere i problemi di Ragusa superiore e costruir proposte per rivitalizzare il centro storico. Integrazione, sicurezza, legalità da una parte ma idee e contenuti dall’altra. Coinvolgere, ascoltare e parlare con i commercianti, con le associazioni culturali diventa necessario per riportare le persone nel centro storico. E’ necessario elaborare una piattaforma culturale, sociale ed economica per restituire serenità ad una parte strategica della nostra città. Ribadiamo: è indispensabile ascoltare, confrontarsi, ideare per poi programmare e pianificare. Serve un segnale forte da parte del Consiglio comunale che rimane il consesso civico più autorevole per elaborare una idea di centro storico. Tutto questo per il bene della nostra città”.

Print Friendly, PDF & Email