Ragusa, forestali e personale consorzio bonifica. L’on. Orazio Ragusa a confronto con l’assessore regionale Barresi

L’on. Orazio Ragusa a confronto con l’assessore regionale Barresi: “Saranno sbloccate le somme per pagare gli stipendi ai forestali e al personale del Consorzio di bonifica”

Ragusa, 14 ottobre 2015 – Dopo la lettera di sollecito che aveva inviato nei giorni scorsi all’assessore regionale Agricoltura e Foreste, Rosaria Barresi, l’on. Orazio Ragusa ha incontrato lo stesso esponente del Governo regionale, alla presenza dell’assessore al Bilancio, Alessandro Baccei, e dell’on. Enzo Vinciullo, presidente facente funzioni della commissione Bilancio, per ottenere indicazioni chiare circa lo sblocco delle risorse economiche, pari complessivamente a 47 milioni di euro, che dovranno servire per il pagamento degli stipendi al personale dei Consorzi di bonifica e ai forestali. Nello specifico, le somme in questione saranno così ripartite: 6.260.000 euro per i forestali dell’antincendio; da 4,5 a 6 milioni (la somma esatta sarà stabilita con la definizione degli equilibri di bilancio) per i consorzi di bonifica; da 34 a 35 milioni per i forestali dipendenti diretti dell’agenzia. La commissione Bilancio ha tra l’altro confermato lo sforamento del patto di stabilità per otto milioni di euro con riferimento all’acconto del 50% della seconda semestralità della bonifica. Tutto ciò consentirà di far fronte al pagamento degli stipendi arretrati al personale dell’ente consortile. “Avevamo chiesto all’assessore Barresi di darci un segnale – afferma l’on. Ragusa – e ci sono arrivate quasi subito le risposte attese a fronte di una situazione molto complicata così come ogni giorno ci viene denunciato dagli operatori del settore. E’ chiaro che con queste somme si andrà a sanare, per ora, una situazione che si era rivelata molto complessa e che speriamo per il futuro possa essere definita in una maniera migliore. Sono convinto – aggiunge l’on. Ragusa – che soltanto attraverso la strada del dialogo si possa delineare quale la migliore strada per gli anni a venire fermo restando che tutte queste persone non possono essere lasciate in mezzo a una strada. Ci vuole una programmazione e una pianificazione attenta e soprattutto occorrerà fare in modo che queste risorse umane possano essere valorizzate nella maniera migliore così da diventare sempre di più un valore aggiunto per la Regione Sicilia”.

Print Friendly, PDF & Email