Ragusa. M5S: “E’ Calabrese che non sa fare politica con la “P” maiuscola”. Riceviamo e pubblichiamo

Pensiamo che alimentare la polemica sullo stesso tema per il quale il gruppo consiliare aveva manifestato insofferenza per l’atteggiamento e le parole del segretario cittadino del Partito Democratico, non vuol dire fare politica con la ‘P’ maiuscola, ma trovarsi, piuttosto in difficoltà e ricorrere in maniera, peraltro scomposta e disordinata, ad un estremo tentativo di impressionare l’opinione pubblica in maniera distorta.

Quello che Calabrese giudica ‘flop dell’azione amministrativa’, tutto da dimostrare, non può essere per nulla addebitato al segretario cittadino del PD, solo da poco ricomparso sulla scena politica locale, l’amministrazione non ha provocato nessun caos in ordine al servizio di refezione scolastica, si ribadisce che i genitori hanno del tutto disatteso la proposta dei consiglieri D’Asta e Chiavola preferendo continuare il colloquio con i rappresentanti dell’amministrazione piuttosto che assistere al dibattito in consiglio sullo stesso argomento, posizione, peraltro ribadita, nel corso di un altro incontro, allo stesso Calabrese, da un’altra mamma che ha pregato affinché la politica fosse tenuta fuori dalla vicenda, come specificato nel nostro comunicato.

Non si comprende in base a quale metro di valutazione in nostri debbono essere considerati ‘attacchi fuori misura’ e quelli dei rappresentanti del PD politica con la P maiuscola.

Considerare Calabrese l’ispiratore e il creatore del Comitato mamme non è complottismo ma solo aderenza alla realtà, anche perché in tutti comitati per il quale il segretario cittadino del PD è diventato un esperto, ci sono solo persone notoriamente a lui vicine all’interno del partito stesso.

Quanto all’incapacità di gestire il malumore della gente molto ci può insegnare Calabrese dopo la triste vicenda delle comunali 2013.

Anche il tentativo di coinvolgere il Presidente del Consiglio per la scelta di far continuare i lavori dell’assise, si rivela una ennesima iniziativa disordinata e fuorviante quando si parla di ‘una tumultuosa visita delle mamme a Palazzo dell’Aquila.

Quanto alle lamentele cresciute in maniera esponenziale da quando è partito il servizio, Calabrese non spiega e non fa cenno al perché oltre 700 bambini e circa 200 insegnanti utilizzano regolarmente il servizio, senza far palesare nemmeno insignificanti rilievi, che potrebbero essere anche fisiologici, in relazione allo stesso.

Quanto ai numeri dei partiti, nelle varie competizioni elettorali sono sotto gli occhi di tutti, rendendo vana ogni valutazione di parte.

La maggioranza in Consiglio non è stata accaparrata dai 5 Stelle ma deriva dalle scelte e dalle strategie del candidato uscito sconfitto dal ballottaggio.

Quanto al fatto che la lista del PD sia risultata la prima per numero di voti, per quanto con un vantaggio irrisorio su tante altre liste, dobbiamo dire che le leggi elettorali non li abbiamo fatte noi.

Quanto al discorso inerente l’apertura del nuovo ospedale, sul quale Calabrese vuole inspiegabilmente soffermarsi, in questa occasione che era eminentemente dedicata agli avvenimenti collegati alla questione refezione scolastica, ribadiamo solo quanto abbiamo più volte evidenziato: tralasciando il passato, su cui pure ci sarebbe molto da indagare, dall’ultimo finanziamento per ultimare e aprire il nuovo stabilimento ospedaliero, c’è stato solo un governo a guida PD, con diversi esponenti del PD in giunta, un assessore nominato da Presidente PD Crocetta, e un altro, direttamente esponente del partito, un Presidente della Commissione Sanità del PD, peraltro l’on.le Digiacomo di Comiso, un Direttore Generale e un Commissario, nominati dal governo Crocetta, tutti i parlamentari locali che hanno sempre assicurato massima attenzione per la questione ospedale, l’on.le Dipasquale, l’on.le Digiacomo, la senatrice Padua, sono tutti del PD, anche l’on.le Ragusa, al tempo, apparteneva alla coalizione che sosteneva il governo Crocetta.

Ogni commento è inutile, piuttosto Calabrese verifichi bene quali siano le competenze di un sindaco, quale massima autorità sanitaria cittadina: di certo fra le sue competenze non ci sono quelle per l’apertura del nuovo ospedale.

Gruppo Consiliare M5S Ragusa

Print Friendly, PDF & Email