Ragusa (M5S): ” #Scoglitti Tutto l’anno? Lungomare Pieno di sabbia, spiagge sporche e ritardo nella programmazione”

SCOGLITTI (VITTORIA, RG) – “In campagna elettorale l’attuale amministrazione proclamava “Scoglitti tutto l’anno” ma siamo arrivati in primavera ed assistiamo all’abbandono della nostra frazione la quale versa, come sempre, in condizioni impresentabili, non sono presenti iniziative turistiche per la primavera ed inoltre quelle estive non risultano programmate, come conferma il recente intervento dell’assessore al turismo il quale afferma che forse solo ad aprile programmeranno il calendario estivo. I programmi estivi andrebbero divulgati con una campagna di marketing sin da gennaio, data dalla quale i turisti incominciano a prenotare le vacanze. Attraverso una mia interrogazione ho anche chiesto come intendono risolvere il problema della sabbia sul lungomare ed i tempi tecnici per la risoluzione del problema ma nella risposta scritta inviatami  dagli assessori Zorzi e Vinciguerra non fanno alcuna menzione del problema sabbia  che staziona sul lungomare e rappresenta anche un pericolo oltre che un problema di pulizia e di decoro. Nulla mi è  stato detto con riguardo alle campagne di marketing intraprese principalmente sul web, evidentemente non sono state intraprese. Insomma, mi hanno risposto affermando che il “programma estivo è  in fase di formazione” risposta inaccettabile, dunque senza tempi certi. 
Va bene aver realizzato l’estate scorsa il Re Cucco o il Jazz festival a Scoglitti ma i turisti vorrebbero conoscere le date degli eventi con largo anticipo, pertanto siamo in ritardo. 
Desideravo risposte sui problemi più urgenti, come la sabbia e la pulizia ma nulla mi è  stato detto in merito“. Così interviene il Consigliere Comunale Giuseppe Ragusa del gruppo consiliare Movimento 5 stelle sul borgo marinaro vittoriese, il quale continuerà a segnalare insieme agli attivisti ed ai colleghi consiglieri le problematiche di Scoglitti, senza un assessore di riferimento, per il momento in condizioni che lasciano alquanto a desiderare.

Print Friendly, PDF & Email