Ragusa. Morando: “Canile comunale al collasso. Misure straordinarie e urgenti per combattere il randagismo”. Riceviamo e pubblichiamo

RAGUSA – Misure straordinarie e urgenti per fronteggiare il fenomeno del randagismo. Le ha chieste, nel corso dell’ultima seduta del civico consesso, il consigliere comunale del Movimento Civico Ibleo, Gianluca Morando, facendo, tra l’altro, riferimento alla situazione di emergenza che si sta verificando al canile cittadino. Il rifugio sanitario comunale, infatti, risulta essere al collasso. “Sono 120 i cani presenti – ha sostenuto Morando in aula – su sessanta posti disponibili. Per questo motivo è necessario un intervento straordinario. E’ indispensabile un piano di sterilizzazione su tutto il territorio cittadino e l’attivazione di una campagna di adozione seria e puntuale. Qualcosa, è vero, è stata fatta. Ma evidentemente non basta se il canile cittadino si ritrova in queste condizioni. I volontari, all’interno della struttura, svolgono un’attività encomiabile, senza mai fermarsi. Ma sono necessari gli opportuni incentivi da parte del Comune”. E Morando aggiunge: “E’ tra l’altro necessario sensibilizzare quanti più cittadini sarà possibile a non abbandonare cuccioli in giro. E’ un altro aspetto del fenomeno da prendere in considerazione. Se il canile non li può accudire, è naturale che i cuccioli di oggi si trasformeranno nei randagi di domani, andando a ingrossare i branchi già presenti nelle zone di via Padre Tumino e di via Ettore Fieramosca dove numerose sono periodicamente le segnalazioni da parte dei cittadini. E dobbiamo ringraziare che, per fortuna, sino a oggi, non è accaduto nulla di serio. Ma non posiamo sempre sperare nella buona sorte. Ecco perché sollecito l’Amministrazione comunale a darsi da fare e a trovare delle soluzioni ad hoc”.

Print Friendly, PDF & Email