Ragusa, soppresso servizio di doposcuola. Migliore (Lab 2.0): “Scelta incomprensibile”

L’Amministrazione Comunale di Ragusa, con una delibera dello scorso 3 aprile, ha soppresso per il prossimo anno scolastico (2017-2018) il Servizio di Attività Integrative e di doposcuola presso le scuole dell’obbligo statali.

Una scelta che noi del Laboratorio politico 2.0 non riusciamo a comprendere e che non possiamo accettare. Viene interrotto un servizio ‘storico’ che dura da 35 anni, importantissimo, di supporto ai bambini e alle loro famiglie (più di 30). L’Amministrazione Piccitto parla di “ottimizzazione delle risorse umane”, senza curarsi del fatto che a farne le spese saranno i bambini che ne hanno bisogno e chi li ama.

L’azione di Piccitto e dell’assessore-consigliere Leggio non tiene conto di quanto vale quel servizio per chi ne usufruisce né del disagio che si verrà a creare per le 18 insegnanti che, dopo trent’anni di attività in un ambito specifico, saranno spostate – questo è l’esito della decisione – a occuparsi di lattanti senza averne l’esperienza. Tre decadi di professionalità cancellate per un mero calcolo ragionieristico.

Il problema, cari sindaco e assessore&consigliere, è che i numeri non hanno anima, ai numeri non gliene frega niente che le “risorse umane” sono persone che, nel caso specifico, si prendono cura di altre persone. Ma a voi, che amministrate Ragusa, dovrebbe importare. E invece la soppressione di questo servizio dimostra che vorreste dare a vedere che sapete far di conto – e abbiamo già espresso più volte le nostre perplessità su questo – ma amministrare vuol dire anche imprimere un significato politico, umano e sociale alle proprie azioni. In quasi quattro anni di amministrazione pentestellata, questo non l’abbiamo ancora visto.

Il portavoce Lab 2.0, Sonia Migliore

Il portavoce Lab 2.0, Sonia Migliore
Print Friendly, PDF & Email