Ragusa. Territorio: “Approvazione strumenti finanziari in forte ritardo al Comune di Ragusa, dopo quattro anni l’Amministrazione grillina non sa che pesci pigliare”

RAGUSA – “Il vuoto di connessione esistente tra gli adempimenti da espletare e quello che effettivamente riesce a concretizzare l’Amministrazione comunale è davvero evidente. Ancora di più avvicinandosi la scadenza di un mandato elettorale contrassegnato da un andamento complessivo sostanzialmente negativo”. A denunciarlo Territorio Ragusa che, nello specifico, fa riferimento alla mancata approvazione degli strumenti finanziari da parte del Consiglio comunale. “A palazzo dell’Aquila – sottolineano il portavoce Emanuele Distefano con il responsabile degli Enti locali, Michele Tasca – siamo in fortissimo ritardo. In aula non è stato ancora portato il consuntivo 2016. E, ovviamente, siamo ancora in attesa che possa essere discusso ed esitato il bilancio di previsione 2017. Insomma, si naviga a vista e soprattutto il civico consesso, questa è l’impressione forte che matura dalle ultime sedute, non sa che pesci pigliare perché non viene messo nella condizione di operare al meglio. Ci chiediamo: ma che cosa sta facendo l’Amministrazione comunale, perché non riesce a fare ingranare i dovuti meccanismi dopo ben quattro anni? C’è un discorso di imperizia che emerge forte e che si nota proprio in occasione della trattazione di strumenti fondamentali per la vita dell’ente. Il Consiglio, svuotato di competenze, ha solo queste e poche altre occasioni per mettere in luce le proprie prerogative. Se tutto ciò non emerge o non viene fuori, è chiaro che si mortifica ulteriormente il ruolo di una istituzione che dovrebbe rappresentare la comunità cittadina. Comunità che però dovrà soffrire solo per poco tempo ancora visto che questo sarà l’ultimo strumento finanziario che verrà esitato con una Amministrazione pentastellata che ha messo in rilievo tutti i propri limiti e che sta rendendo sempre più insofferente la popolazione ragusana. Con le precedenti Amministrazioni comunali non si erano mai registrati ritardi simili nell’approvazione degli strumenti finanziari. Non si può fare finta di niente. E noi denunciamo con forza questa situazione. E per quanto riguarda i conti auspichiamo che con la prossima Amministrazione comunale, che non sarà certo di estrazione grillina, possano essere risolte tutte queste anomalie gestionali che determinano spiacevoli e imbarazzanti contrattempi”.

Emanuele Distefano e Michele Tasca
Print Friendly, PDF & Email