Randagismo. Assenza (FI) chiede misure di contenimento del pericoloso fenomeno

Palermo, 3 febbraio 2015 – Conseguentemente alle numerose segnalazioni di cittadini sulla presenza di branchi di cani randagi particolarmente aggressivi nelle contrade Mastrella e Deserto di Comiso e nei centri urbani di Vittoria e di Acate, il Parlamentare regionale di FI, Giorgio Assenza, ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla grave emergenza.
Il fenomeno del randagismo in Sicilia – spiega Assenza – purtroppo, va assumendo sempre più una rilevanza tale da costituire grave pericolo per la collettività.
Sono a tutti noti i gravi fatti verificatisi nel marzo 2009, in provincia di Ragusa, che hanno visto la morte di un minore ed il ferimento di tre persone ad opera di alcuni cani randagi.
Tutte le strutture presenti nel territorio ipparino sono in emergenza e non hanno l’agibilità necessaria, vi è un unico ufficio di riferimento a Vittoria che ospita, anche per i comuni di Comiso, Acate e Santa Croce Camerina, l’anagrafe canina e l’ambulatorio veterinario, ma non è a regime per il censimento delle colonie feline.
Da 5 anni si attende l’inaugurazione del Rifugio Sanitario (c.da Carosone – Vittoria), struttura realizzata con un finanziamento regionale e mai completata”.
Per questi motivi Assenza chiede al Governo della Regione: qual è lo stato di avanzamento dei lavori relativi al rifugio sanitario di Vittoria e quando l’amministrazione intenda consegnare la struttura alla città; dove sono finiti i finanziamenti che lo Stato ha erogato negli ultimi anni, circa un milione di euro, per costruire rifugi e finanziare associazioni impegnate a porre fine al randagismo; quali provvedimenti urgenti il Governo intende adottare per contrastare la piaga del randagismo disponendo che le ASP curino i servizi necessari per arginare il fenomeno; se non ritiene opportuno sostenere progetti di sensibilizzazione contro l’abbandono, e l’implementazione di controlli con l’applicazione di severe sanzioni per chi non registra i cani e per chi li abbandona.

Print Friendly, PDF & Email