Realizzazione della fognatura a Puntarazzi, Calabrese: “abbiamo incassato un primo risultato”

RAGUSA – Il portavoce del comitato di Puntarazzi, Peppe Calabrese, esprime la propria soddisfazione per la partecipatissima assemblea nella sala che sorge nella stessa contrada alla presenza del sindaco Federico Piccitto, dell’assessore ai Lavori pubblici Salvatore Corallo e dei tecnici comunali. “Per la verità – sostiene Calabrese – chiediamo da un mese un incontro a palazzo dell’Aquila ma il sindaco ha preferito spostarsi lui”. Calabrese spiega le ragioni dell’incontro: “Con determinazione abbiamo chiesto che venisse appostata la somma per realizzare la fognatura a Puntarazzi che mancava nelle opere previste per il 2016. Tale promessa era stata fatta dal sindaco qualche mese fa, ma da una personale e attenta lettura del piano, ho verificato che mancavano i fondi stanziati per questa opera. Ebbene, il 31 maggio scorso l’assemblea si è riunita deliberando un documento in cui chiedeva il finanziamento dell’opera per quest’anno. Su un milione di euro previsti, ieri l’Amministrazione comunale ha garantito che il 50% sarà realizzato nel 2016 e il resto nel 2017. Tutto questo dovrà accadere in fase di approvazione del programma triennale in Consiglio con il sindaco che sarà chiamato a emendare il suo stesso atto per appostare tale somma e dove sarà presente una nostra delegazione. Inutile dire che proveremo sino alla fine a fare finanziare l’intero progetto. Abbiamo dato un’occhiata all’elaborato progettuale che i tecnici hanno fornito ieri e ci siamo resi conto che ci sono delle difformità tra lo stesso e il piano di recupero di Puntarazzi. Abbiamo chiesto che nessuna abitazione del piano di recupero rimanga fuori come accaduto in passato con la metanizzazione e con la rete idrica e su questo vigileremo approfondendo il progetto, prelevando le carte a palazzo dell’Aquila”. “Non nascondiamo l’amarezza – aggiunge ancora Calabrese – per non avere ottenuto l’intero finanziamento dell’opera visto che parliamo di una contrada molto abitata. Crediamo che i fondi al Comune ci siano e non capiamo perché Piccitto si ostini a non finanziarla per intero. In ogni caso guardiamo alla vicenda come se il bicchiere fosse mezzo pieno e andiamo avanti”. Intanto, il comitato continua la propria azione di vigilanza sulla zona al solo scopo di migliorarne la vivibilità. Peppe Cassarino, in qualità di presidente del comitato, Salvatore Iacono, Giuseppe Poidomani e tutti gli altri componenti hanno rivolto un sincero ringraziamento a Peppe Calabrese per il lavoro svolto e per l’attenzione prestata. Tutto ciò per il bene della città. “Senza il suo apporto – dicono i componenti del comitato riferendosi a Calabrese – non avremmo mai saputo che l’opera non era stata finanziata al contrario di ciò che ritenevamo. E senza la sua determinazione a favore delle giuste cause non saremmo mai riusciti, come accaduto in passato sul caso della discarica di amianto, a risolvere questioni delicate come questa. Incassiamo questi 500mila euro per Puntarazzi e andiamo avanti”.

Print Friendly, PDF & Email