Recrudescenza criminalità a Vittoria, il movimento politico Sviluppo Ibleo programma assemblea di cittadini

La Rosa: “Le contrapposizioni politiche in questo caso non servono. Occorre fare quadrato per il bene della città”

Vittoria, 10 giugno 2015 – “Dopo i furti in centro storico, anche le rapine in villa. A Vittoria l’escalation che sta facendo registrare la criminalità organizzata è molto preoccupante. A maggior ragione se pensiamo all’episodio accaduto nella notte tra sabato e domenica scorsi che ha avuto per vittima un imprenditore e la sua famiglia. I particolari della vicenda sono davvero raccapriccianti. Una tragedia sfiorata. Dobbiamo fare quadrato. L’ordine pubblico è diventata la priorità”. E’ quanto denuncia il consigliere comunale del movimento politico Sviluppo Ibleo, Andrea La Rosa, che, oltre a manifestare solidarietà all’imprenditore e ai componenti della sua famiglia, ha concordato con i vertici del movimento, a cominciare dal segretario cittadino Biagio Pelligra, ma anche il segretario provinciale Raffaele Migliorisi, di promuovere un’assemblea aperta di Sviluppo Ibleo, da tenersi nei prossimi giorni, a cui invitare i rappresentanti delle istituzioni per cercare di comprendere in che modo intervenire. “Di fronte a queste cose – afferma La Rosa – le contrapposizioni politiche vengono meno. Non c’è ma che tenga rispetto alla sicurezza dei cittadini. Noi siamo pronti a dare una mano e cercheremo di farlo in maniera costruttiva perché non vogliamo che la situazione ci sfugga di mano. Il nostro sostegno, per quanto di competenza, sarà massimo nei confronti delle forze dell’ordine il cui impegno e la cui abnegazione sono quotidiani nel cercare di fronteggiare gli episodi di criminalità che continuano a reiterarsi con una frequenza impressionante. Vittoria non deve tornare agli anni bui e faremo il possibile per evitare che ciò accada. Il nostro movimento è pronto ad impegnarsi in prima linea per garantire la completa emersione della legalità. Gli ultimi episodi ci fanno parecchio pensare e ci batteremo per ridare la dovuta dignità all’intero territorio comunale”.

Print Friendly, PDF & Email