Santa Croce Camerina, il Circolo Meridiana interviene sulle dimissioni del segretario cittadino del PD

Riceviamo e pubblichiamo 

“Silenzio assordante dal Palazzo di Città. Nessuna reazione, nessun rimpianto e soprattutto nessuna smentita alle accuse lanciate dall’ormai ex segretario del Partito (poco) Democratico. Accuse che confermano ciò che abbiamo sempre sostenuto in merito ai modi non proprio democratici di questa Amministrazione Comunale”.

È quanto si legge in una nota diffusa dal Circolo Meridiana che interviene sulle dimissioni rassegnate, qualche giorno fa, dal segretario cittadino del PD, dott. Gaetano Farina. Alla base della decisione di Farina la non condivisione delle scelte amministrative e il mancato coinvolgimento del partito in fase decisionale.

“Dato il regnante silenzio – continua la nota – pensiamo che l’Amministrazione non aspettasse altro, ritrovandosi così con una spina in meno sul fianco considerate le varie critiche mosse in precedenza dall’ex segretario Pd nei confronti di questa Amministrazione. E, a quanto pare, anche i consiglieri comunali del Partito Democratico rimangono impassibili di fronte a questa significativa dimostrazione di dissenso”.

“Adesso – si chiedono i componenti del Circolo – la domanda sorge spontanea: Chi prenderà il posto del Dott. Farina? Verrà dato spazio ancora a qualche uomo libero capace di spendere parole pure critiche sull’operato di consiglieri ed amministratori? Ai nostri occhi, questa evenienza appare difficile, quasi impossibile. Evidentemente per questa Amministrazione è troppo scomodo circondarsi di persone obiettive e non sempre accondiscendenti”.

“Lo scenario che potrebbe crearsi – si conclude la nota – è ciò che ci inquieta di più. Chissà se verranno nominati uno o più segretari, magari giovani, ma che nonostante la promessa sulla libertà di scelta e di operato e la prospettiva di un cambiamento saranno poi circondati dai soliti noti che avranno libertà di azione con una Partito finalmente succube delle loro scelte. Ebbene i contorsionisti della politica ancora una volta, purtroppo, sono i protagonisti del governo della nostra città”.

Print Friendly, PDF & Email