Sciccli. On. Pippo Digiacomo: “Non si chiuda chirurgia a Scicli”

SCICLI – In merito alla notizia di questi giorni, relativamente alla paventata chiusura del reparto di chirurgia dell’ Ospedale “Busacca” di Scicli, interviene il Presidente della Commissione all’ Ars, On. Pippo Digiacomo:
“Penso che sospendere le attività di chirurgia dell’ospedale di Scicli, aldilà di situazioni transitorie determinate dal ricorrente problema delle ferie estive, sia un errore che va corretto. A Comiso il reparto di chirurgia sviluppa una produttività di oltre tremila interventi l’anno, alleggerendo le
le liste d’attesa che sono il male endemico della sanità siciliana e, se ciò è riuscito a Comiso che la Direzione dell’ASP di Ragusa vanta come un esperimento di portata nazionale da emulare in altre realtà siciliane, non vedo perché non emularlo intanto anche a Scicli. Vorrei ricordare che l’idea dell’ospedale riunito, che ha salvato 40 ospedali in Sicilia e che ha la paternità in Lucia Borsellino e nel sottoscritto, dà ai manageri ampi spazi di manovra ovviamente all’interno dei limiti di personale, argomento nel quale l’Asp di Ragusa è stata da noi ampiamente risarcita dai tagli del 2010. Inoltre, sempre all’Asp di Ragusa, è stato consentito in deroga un reclutamento di primari che le altre aziende, in proporzione, si sognano: 8 in regime di blocco delle procedure concorsuali. Tutto questo implica mettere alla prova i nuovi primari e il nuovo management per valorizzare il concetto d’ospedale riunito e non per spogliare uno stabilimento e vestire l’altro, col risultato di renderli entrambi inefficienti. Chiederemo un incontro con i vertici aziendali per chiarire questa strategica e vitale questione della sanità iblea.”

Print Friendly, PDF & Email