Sopralluogo del movimento Sviluppo Ibleo al mercato ortofrutticolo di Vittoria

La Rosa: “La situazione è grave. Gli operatori sono al collasso. E il Comune sta fermo”

VITTORIA – “Le criticità segnalate dagli operatori del mercato ortofrutticolo ci hanno spinto ad effettuare una verifica sul campo. In realtà non è la prima volta che facciamo dei sopralluoghi nella struttura mercatale di contrada Fanello”. Parola del consigliere Andrea La Rosa di Sviluppo Ibleo che sabato mattina ha avuto modo di essere presente all’interno del mercato per raccogliere dalla viva voce di chi ci lavora tutti i giorni le ragioni di un dissenso sempre più trasversale. “D’altronde – spiega La Rosa – i commissionari ortofrutticoli vanno avanti grazie alla propria attività e se questa viene a mancare non c’è vicinanza politica che tenga perché si va ad incidere sulle tasche di chi spera che si registri qualche inversione di tendenza. Purtroppo, però, ci siamo resi conto che così non è, l’inversione ancora latita, in quanto il quadro economico generale è drammatico, la concorrenza dei Paesi africani è spietata e, come se tutto ciò non bastasse, bisogna fare i conti con una serie di difficoltà strutturali che impediscono al mercato di colmare i conclamati gap che tutti conosciamo. Ancora oggi ci confrontiamo con una situazione che, al di là degli annunci su tutte le novità tecnologiche che si sarebbero dovute apportare, fa sembrare il mercato di Fanello un parente prossimo della struttura esistente vent’anni fa. Quando, invece, sappiamo che bisognerebbe essere al passo con i tempi, correre alla stessa velocità delle imprese”. Con gli operatori, La Rosa e i componenti della delegazione di Sviluppo Ibleo, si sono pure confrontati sulla questione riguardante il nuovo regolamento che approderà in aula nelle prossime settimane. “Purtroppo, così com’è – afferma La Rosa – il regolamento, anche a detta dei commissionari, non serve a niente non essendo stato condiviso dalle parti coinvolte. Non è detto, comunque, che lo strumento non possa essere emendato per renderlo più rispondente alle esigenze di chi all’interno della struttura di Fanello ci lavora tutti i giorni. Chiediamo un atto di responsabilità alle forze politiche che sostengono il sindaco. Di concordare assieme alle opposizioni un percorso che garantisca al regolamento in questione una definizione quanto più vicina alle sollecitazioni provenienti da chi al mercato ci lavora tutto il giorno”.

Print Friendly, PDF & Email