Vincolo monumentale su piazza Libertà, Lab 2.0: “L’intervento della Soprintendenza ci rincuora”

RAGUSA – Siamo lieti di poter constatare che su certi temi, fortunatamente, il buon senso riesce a prevalere. La notizia apparsa oggi sulla stampa e che riguarda la decisione del soprintendente ai Beni Culturali della provincia di Ragusa di apporre un vincolo monumentale su piazza Libertà, dove l’amministrazione grillina si accinge a costruire una rotatoria, ci rincuora confermando che l’intento pentastellato è completamente da rivedere.
Lo avevamo detto e ridetto, anche in passato: il futuro del centro storico di Ragusa deve passare per una progettualità seria, che punti alla pedonalizzazione di una larga area pianeggiante, già dotata di parcheggi sotterranei posizionati in luoghi strategici, e alla collaterale incentivazione delle attività commerciali, unita alla creazione non solo di spazi, ma anche di occasioni in grado di favorire l’aggregazione.
Continuare a puntare sul passaggio delle auto a pochi metri dalla propria destinazione – senza che vi sia consentita la sosta – è sbagliato sia in prospettiva che su un piano d’educazione al vivere la città. Le parole del soprintendente Rizzuto sono chiarissime: “La piazza dovrà avere una destinazione principalmente pedonale”, ha detto e anche noi siamo convinti che debba essere così. Non solo: dovrà essere inserita in un contesto complessivo nel quale le auto dovranno essere solo un contorno non invadente.
Con questa soluzione e con l’aiuto di mirate politiche economiche da parte di chi amministra, la città potrà cambiare in meglio.

Ragusa, 28 aprile 2017

Direttivo Laboratorio politico 2.0

Print Friendly, PDF & Email