Vittoria. Criticità pronto soccorso ospedale Guzzardi al centro di un confronto tra i consiglieri di maggioranza e il manager Ficarra

SCUDERI: “I PROVVEDIMENTI ASSUNTI LASCIANO BEN SPERARE PER IL FUTURO. MA LA GUARDIA RESTA SEMPRE ALTA”

VITTPRIA (RG) – Le criticità del Pronto soccorso dell’ospedale Guzzardi di Vittoria sono state al centro di un incontro tenutosi tra il commissario dell’azienda sanitaria provinciale, Salvatore Lucio Ficarra, e i rappresentanti dei gruppi consiliari di Se la ami la cambi, Monia Cannata, Forza Italia, Rosamaria Mazzone, e Riavvia Vittoria, Giuseppe Scuderi. All’incontro erano presenti anche il direttore sanitario dell’Asp Giuseppe Drago e il primario del Pronto soccorso Carmelo Scarso. “Era da tempo – afferma il capogruppo Scuderi – che chiedevamo un confronto con il manager che ringraziamo, adesso, per la propria disponibilità tesa, soprattutto, a confrontarsi sul destino del Guzzardi e del Pronto soccorso. Abbiamo preso atto, in particolare, che nel reparto in questione si è registrato un incremento di unità mediche che lascia ben sperare. In ogni caso, dobbiamo prendere atto del fatto che l’organico, anche per la contestuale chiusura del Pronto soccorso dell’ospedale di Comiso, risulta essere non all’altezza della situazione per cui si rende necessario trovare delle soluzioni che possano garantire le dovute risposte all’utenza. La vera sfida, in realtà, rimane quella della redazione del piano aziendale previsto per il mese di giugno. In attesa che ciò accada, il manager si è dimostrato disponibile a garantire il prossimo potenzialmento con due nuovi ausiliari ed un infermiere. Grazie a queste unità aggiuntive sarà possibile facilitare le operazioni di accesso al reparto di emergenza-urgenza. E’ stato anche affrontato il tema riguardante la costruzione del nuovo Pronto soccorso già finanziato dalla Regione. Le procedure in proposito sono state avviate. E naturalmente abbiamo sollecitato tempi rapidi per garantire alla popolazione vittoriese e a quella del circondario di potere contare su strutture all’altezza della situazione”. Scuderi, altresì, aggiunge che l’occasione è stata utile per segnalare la carenza di una unità di organico nel reparto di Cardiologia rispetto a quanto invece previsto nel dispositivo dell’atto aziendale. “In più – prosegue – abbiamo chiesto, ma lo faremo ancora meglio rivolgendoci all’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza, che si possa rivedere la rete ospedaliera, percorso già in fase di attuazione a Palermo, nel punto in cui è stata prevista la soppressione del reparto di Oculistica che, all’ospedale Guzzardi, è sempre stato considerato d’eccellenza”. Scuderi ritiene che “questo sia il modo costruttivo di risolvere i problemi, quello del confronto con le figure apicali che gestiscono la Sanità sul nostro territorio, e non come fa certa opposizione che, invece, aizza gli utenti ad assumere atteggiamenti poco confacenti quando le risposte nell’erogazione dei servizi sanitari tardano ad arrivare. Abbiamo sottolineato, insomma, che per quanto c’è stato modo di appurare, in seno al Pronto soccorso del Guzzardi, i codici rossi sono trattati al meglio e che i tempi di attesa, rispetto al recente passato, sono stati considerevolmente abbattuti. E’ chiaro che si può fare sempre meglio e che si dovrà lavorare anche per garantire un maggiore filtro da parte dei medici di famiglia. I quali, forse, dovrebbero sforzarsi di essere più presenti per evitare intasamenti al Pronto soccorso. Ma questo è un altro aspetto della questione che, magari, merita di essere approfondita nel corso di un confronto tra le parti interessate. E’ comunque da sottolineare l’impegno della nostra componente politica che si sta adoperando per far sì che possano arrivare risposte certe sulla materia della salute che interessa giocoforza tutta la cittadinanza”.

GIUSEPPE SCUDERI
Print Friendly, PDF & Email