Vittoria. Dieli: “L’Ass. Bonetta si è espresso in modo non certo consono al ruolo che ricopre”

Vittoria, 18 settembre 2015 – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma di Nello Dieli:

Sfottò in replica e parole dure ed offensive nei confronti di un consigliere comunale e di un segretario sindacale che cercano di sottolineare una criticità non sono certo degne di apprezzamento né tantomeno ritengo debbano passare inosservate.
L’Ass. Bonetta si è oggettivamente espresso in modo non certo consono al ruolo che ricopre sia nella vita professionale sia nella vita amministrativa e poi ci vengono a raccontare che sono loro a  chiedere ed invocare che i toni rimangano pacati e sereni in vista della prossima campagna elettorale.
Nessuno può negare o precludere il diritto/dovere di un consigliere comunale a esprimere la propria opinione in merito ad una questione amministrativa e a scelte dell’Amministrazione comunale essendo questo fondamento e cardine dell’attività politica, nella fattispecie mi riferisco al cons. Barrano ed alla scelta da parte dell’Ente di escludere i servizi prestati dagli Assistenti Sociali nelle scuole.
Vorrei innanzitutto ricordare all’Ass. Bonetta che i consiglieri comunali sono frutto di una espressione di voto ed in virtù del consenso ottenuto hanno un ruolo di rappresentatività e la responsabilità politica di farsi carico dei problemi che recepiscono dalla collettività, elemento che ad un Assessore spesso manca in quanto scelto dal Sindaco e pertanto “sollevato” dalla necessità del suffragio del voto.
Lasciando da parte ogni specifica nel merito, ritengo che il ruolo dell’assistente sociale non possa essere né precluso né relegato a poche ore settimanali (20 settimanali) alla stregua di tanti altri servizi di poco conto, è infelice la scelta di gestire il servizio tramite borse lavoro ed ancor peggio quella di eliminarle; non possono essere scuola, sicurezza, sanità ed altri servizi essenziali le voci su cui operare tagli di carattere sia economico che professionale ma ben altri, magari, proviamo a suggerire, quelli ludici e pseudo-sportivi.
La città e i cittadini aspettano esempi di buona politica, fatta di progetti, idee, concretezze e non  vogliono di certo assistere a questi spiacevoli teatrini fatti di insulti ed attacchi personali che, ricordi, non può e non deve permettersi né come amministratore né come uomo, in quanto resta fondamentale il rispetto dell’altrui idea e del legittimo diritto di esprimerla nei modi e nei luoghi opportuni, forse a questo punto è lei, caro Prof. Ass. Bonetta, che prende spunto da una legittima e non offensiva attività di un consigliere di opposizione per darsi un po’ di luce e di visibilità visto che ad oggi non ci sembra che abbia brillato per programmazione ed iniziative.
Lascia percepire una specie di “castrazione intellettuale” confrontandosi con “umili oppositori”, porti pazienza e si applichi piuttosto a cercare e trovare soluzioni migliori e più efficaci in merito ai temi di risparmio energetico ed impatto ambientale per quanto riguarda i riscaldamenti nelle scuole, la risoluzione ai problemi di carente manutenzione e relative infiltrazioni che possono portare anche a problemi ben peggiori ed attendiamo ancora a mesi dal suo insediamento che trovi le soluzioni che lamentava come inoperate dal suo predecessore.
P.S. Visto che cita Totò, anche io vorrei citare una celebre del fu Antonio De Curtis “signori si nasce” ed in quanto tali, cerchiamo tutti, pur se a volte la politica ed il fervore politico portano a toni un po’ più aspri, di riportarci a più pacate e consone posizioni“.

Print Friendly, PDF & Email