Vittoria, Emaia. La Rosa: “Serve chiarezza su mancato pagamento stipendi personale”

Gli allarmi sulla situazione finanziaria dell’azienda municipalizzata Emaia, il presidente della commissione Bilancio convoca con la massima urgenza una seduta dell’organismo

Vittoria, 27 ott 2014 – Il capogruppo di Sviluppo Ibleo, Andrea La Rosa, nella qualità di presidente della commissione Bilancio al Comune di Vittoria, annuncia che diramerà quest’oggi, quindi con la massima urgenza, la convocazione di una seduta dell’organismo avente per oggetto la situazione finanziaria in seno alla municipalizzata Emaia. “Gli allarmi lanciati in queste ultime ore – dice La Rosa – non possono cadere nel vuoto. Soprattutto perché riguardano padri di famiglia che sono rimasti a secco e che attendono di vedere retribuito il loro lavoro. Né possono essere considerati una scusante le argomentazioni addotte dai vertici che parlano di un cambio di gestione del software della contabilità e che tutto ciò avrebbe determinato tre mesi, dico tre mesi, di ritardi nei pagamenti delle spettanze pregresse. Ma siccome non possiamo condannare nessuno senza prima avere visto le carte, chiederò agli amministratori dell’Emaia, che lo ricordo è una partecipata comunale, di prendere parte alla riunione e di chiarirci, in maniera documentale, come stanno davvero le cose. E’ chiaro che se le indiscrezioni emerse da qualche tempo in qua trovassero conferma, la preoccupazione diventerebbe consistente. Ci sarebbe da chiedersi come è possibile che l’Emaia vada avanti nell’organizzazione di fiere così importanti come la prossima novembrina pur non avendo adeguati fondi a disposizione. Naturalmente, l’augurio di ogni buon cittadino vittoriese è che non sia così. Ma se il problema si dovesse rivelare pesante, in termini di ammanchi finanziari, è chiaro che bisognerebbe intervenire in modo sollecito. Noi cercheremo di farci una idea e poi la comunicheremo al Consiglio comunale perché è quello il luogo deputato in cui discutere le questioni più importanti che riguardano, come in questo caso, il futuro della città”.

Print Friendly, PDF & Email