Vittoria. Fabio Nicosia: “Campionaria di Novembre, la gestione passa direttamente agli uffici comunali”. Riceviamo e pubblichiamo

Il Consiglio adotta un atto della Giunta presentato in modo carente e che non ha fugato i dubbi sollevati in Aula . Mancando l’introito di una edizione storicamente con un saldo attivo nei prossimi mesi saranno a rischio gli stipendi dei lavoratori?
Il Sindaco eviti in futuro atteggiamenti poco rispettosi e intimidatori verso il Consiglio.

VITTORIA – Si discutono da anni le difficoltà della gestione in house della nostra Cittadella fieristica e dei suoi servizi e principalmente le Fiere , io come ho fatto ieri in Consiglio le riassumo in 4 punti principali :- la contingenza della crisi economica e la sofferenza, purtroppo spesso la chiusura , di ditte importanti locali e del nord est italiano che esponevano proponendo al pubblico le novità di settore ;-le nuove frontiere dell’e-commerce che capitalizza la distribuzione commerciale e porta le imprese ad investire più in questo settore che nelle esposizioni fieristiche; – la mancata redditività di edizioni specialistiche ( agrem – moda e sposa – motori e tempo libero- fiere d’arte) che nel passato hanno prodotto ottimi risultati congressuali e livelli qualitativi eccellenti, ma pesanti passivi; – il trattamento discriminatorio delle Istituzioni sovracomunali , ad esempio la Camera di Commercio che iperfinanzia la fiera del bestiame a Ragusa e si è interessata sporadicamente dell’Emaia o, peggio ancora, la Regione, che nei vari governi e soprattutto questo sempre presente in pompa magna alle varie inaugurazioni, non ha mai spiegato perché l’unica fiera ancora esistente nel Sud Italia fino a Bari con una Campionaria riconosciuta ufficialmente dal competente Assessorato regionale quale “ evento di rilevanza nazionale” non meriti sostegno economico e l’inserimento nelle proprie attività di internazionalizzazione per le quali si spendono milioni di euro e invece ha sovvenzionato per anni con contributi milionari le fiere fallite di Palermo , Siracusa e Messina .
Il Consiglio Comunale, ieri, è stato convocato per ratificare la scelta del Sindaco di gestire direttamente con gli Uffici Comunali dello sviluppo economico la prossima Campionaria. La scelta è consigliata dal dott Palazzolo , nominato per due mesi Commissario Straordinario dell’Emaia ( in sostituzione di Presidente e Consiglio di Amministrazione ) . Le note difficoltà economiche dell’Azienda Speciale e l’imminente Campionaria sono gli unici riscontri della nota scarna e priva di qualsiasi dato oggettivo prodotta dal Commissario, nessun altro riferimento, neanche in Aula, su quello che intende fare la nuova amministrazione , quali gli obiettivi e la mission ,né in quale modo si stia studiando di rilanciarla se con una società mista pubblico privata o se insistendo con la gestione pubblica.
La discussione consiliare ha evidenziato che, ad un mese dall’apertura dei cancelli, non c’ è un bilancio id previsione, né l’affidamento della campagna pubblicitaria, né si è chiarito dove dovranno recarsi i clienti per informarsi e firmare il contratto se presso un ufficio comunale o presso quello della fiera , se verrà distaccato un impiegato comunale per dedicarsi a questo lavoro . Qual è il prezzo degli stand ? Trattandosi di vendita diretta del Comune verrà pubblicizzata sul sito web del Comune e non verranno lottizzate le gallerie a corpo a società che poi venderanno a loro volta gli spazi ? E gli introiti ,ora del Comune e non dell’Azienda Emaia , considerando che tradizionalmente la Campionaria , la più visitata , registra un saldo attivo , saranno trattenuti nelle Casse Comunali mettendo a rischio gli stipendi degli impiegati per i prossimi mesi ?
Infine ,l’atteggiamento irriguardoso e a tratti intimidatorio del Sindaco verso l’intero Consiglio , ma soprattutto verso i consiglieri del nostro partito, in parte lo giustifico per la mancanza di chiarezza di idee sulla strada intrapresa e sui legittimi dubbi di una scelta che comunque è coraggiosa, anche se da rivedere in futuro . Un sindaco che cita sempre di avere stravinto le elezioni e che quindi fa di testa sua ,non può urlare e inveire contro chi ha idee diverse . Invito il Presidente del Consiglio a pretendere il rispetto di tutte le figure istituzionali legittimamente rappresentate nella nostra Città .

Fabio Nicosia

Print Friendly, PDF & Email